I pericoli spirituali della medicina alternativa

Nota di MariaPortamiVia: Il presente articolo è opera del Centro Culturale San Giorgio, non riconoscente, purtroppo, quest’ultimo, la verità per la quale Roma trovasi tuttora nelle mani degli eretici sicché ospita una setta acattolica, come dimostra il Monastero della Famiglia Santissima nel suo libro “La verità su ciò che è realmente accaduto alla Chiesa Cattolica dopo il Vaticano II”.


I

Dietro la medicina alternativa

linganno esoterico

La medicina alternativa è proprio innocua?

pentacolo magicoNon mi sento di rispondere affermativamente a questa domanda per svariate ragioni, sia dal punto di vista della cura medica, che da quello molto più importante del veleno teorico che queste pratiche spesso racchiudono. Infatti, se una malattia seria, anziché essere trattata con il meglio di ciò che la scienza è riuscita a scoprire, viene affrontata invece con qualcosa di per sé inefficace, si espone a rischio la vita del paziente. Questo, tuttavia, è un problema che in qualche modo riguarda sia la responsabilità penale del medico che, probabilmente, anche la saggezza del legislatore. Nel nostro ordinamento giuridico, infatti, il rimedio omeopatico, tanto per fare un esempio, riceve per così dire un riconoscimento «a metà». Da un lato, infatti, ne è permessa la vendita e dall’altro i nostri organismi sanitari non hanno ancora ritenuto di approvarne le indicazioni terapeutiche. Quindi, l’utilizzo di tali rimedi avviene sotto l’esclusiva responsabilità del medico curante. Ne consegue perciò che, se esiste la libertà terapeutica per il medico, esiste anche la conseguente responsabilità nel caso in cui lo stesso medico, per curare il suo paziente, esca dalle terapie ufficiali e scelga strade alternative. Questo però non è il problema che mi interessa mostrare, mentre invece sono molto interessato a guardare sotto le teorie delle varie tecniche alternative, per cercare di mettere in evidenza il mondo occulto ed esoterico che ci sta dietro. Questo mondo esoterico è doppiamente pericoloso, perché mentre si è mimetizzato sotto un’apparenza innocua e addirittura benefica, d’altro canto – proprio a causa di questa copertura – si muove e agisce su un piano dove va a toccare milioni di persone, in gran parte completamente ignare della realtà con cui sono venute a contatto, cercando di far trionfare tutte le dannose teorie dell’esoterismo, del panteismo, della reincarnazione, dei «poteri» e delle «energie» e facendo balenare l’idea infernale che l’uomo non ha bisogno di Dio, ma è autosufficiente.

Non può certamente essere passata sotto silenzio la preoccupazione dei Vescovi italiani che esprimono le loro perplessità a proposito di ciò che si nasconde sotto la copertura delle medicine alternative: «Il secondo e più delicato problema riguarda il possibile coinvolgimento, da parte di alcune di esse, con filosofie orientali difficilmente compatibili con la fede cattolica e qualche volta perfino accompagnate da pratiche occultistiche […]. La Chiesa deve sentirsi fortemente interpellata ad approfondire il problema […] per un sicuro discernimento» 2. Anche per contribuire alla formazione di questo discernimento, vale la pena di soffermarsi ad esaminare alcune di queste terapie 3.

II

LOMEOPATIA

Cosè l’omeopatia?

Una definizione comune, accessibile a tutti, potrebbe essere questa: «L’omeopatia dà al paziente un rimedio che, in un individuo sano, produrrebbe gli stessi sintomi che si osservano nell’ammalato». Per spiegarlo in parole semplici il Dr. Tarcisio Mezzetti fà un esempio: bisogna curare qualcuno che soffra di diarrea. Tutti sanno che l’olio di ricino in una persona sana produce diarrea; quindi, secondo i principi dell’omeopatia, bisognerebbe curare il paziente… con olio di ricino. Tuttavia, è chiaro che se il poveretto dovesse essere trattato con olio di ricino alla dose usuale, rimarrebbe chiuso nel bagno per qualche settimana.

Perciò il «rimedio» (cioè l’olio di ricino in questo caso) deve essere diluito, fino ad essere presente nella somministrazione in dosi minime. Questa necessità porta subito in evidenza un importantissimo elemento dell’omeopatia: il principio di diluizione. A prima vista sembra quindi che l’omeopata cerchi di usare la più piccola quantità di «rimedio» possibile; e se così fosse ci si potrebbe imbattere in un fenomeno farmacologico ben noto e scientificamente provato, chiamato «effetto paradosso».  Secondo questo fenomeno, molti farmaci in quantità minute invertono la loro azione farmacologica. Ma Samuel Hahnemann 4 (1755-1843), il fondatore dell’omeopatia, non la pensava così. Giunse invece ad affermare che i rimedi non agiscono materialmente, ma per mezzo di forze «immateriali» in essi presenti, capaci di risvegliare le forze vitali dell’organismo.

Hahnemann ritenne che tali proprietà potessero essere liberate sottoponendo la preparazione a scuotimenti prolungati. Spinse perciò le diluizioni sino alla trentesima potenza centesimale e cadde così nell’esagerazione. Questa teoria non era nuova. Nel Rinascimento, l’alchimista Paracelso (1493-1541), dopo aver rifiutato le idee di Galeno (130-201) – il metodo della cura con i «contrari» – sviluppò il principio della «similitudine». Si abbandonò alla ricerca «esotericomistica» e cercò di analizzare le corrispondenze magiche tra il mondo esteriore (macrocosmo) e le diverse parti dell’organismo umano (microcosmo). Questa «ricerca» è costante nell’esoterismo.

samuel hahnemann paracelso galeno
Samuel Hahnemann Paracelso Galeno

Omeopatia: medicina o magia?

Nell’omeopatia le diluizioni si indicano con un numero seguito da una «x», che indica quante volte l’originale tintura sia stata diluita, normalmente con un fattore di dieci (indicato come «D»), o di cento (indicato anche come «CH»), ma si va a diluizioni molto superiori, per cui della materia originaria non rimane più nulla. A questo punto è chiaro l’intento panteistico, magico ed esoterico della cura, con il concetto sottinteso, che «quando non è più presente la “materia” che è alla base del rimedio, rimane presente tuttavia… lo “spirito” del rimedio». Questo criterio è totalmente incompatibile con la nostra fede e la sua accoglienza nella pratica è già un’accoglienza del pensiero magico che ne sta a fondamento. Hahnemann preferiva diluizioni «30x», una concentrazione che non permette di avere nella bottiglietta finale nemmeno una sola molecola della sostanza originaria. Ma se non esiste neppure una molecola della sostanza originaria come può essere efficace? Per cercare di spiegare la ragione per cui l’omeopatia ritiene che il «rimedio», malgrado questa totale assenza di ogni molecola del prodotto di partenza tuttavia funzioni – anzi, addirittura, sia «molto più potente» – bisogna dare uno sguardo ad un altro pilastro dell’omeopatia: la «dinamizzazione», che ci conduce direttamente dentro il mondo concettuale della «energia universale» delle filosofie orientali e dell’esoterismo. Quando un farmacista prepara un prodotto omeopatico, prima di tutto ha bisogno di una tintura madre e la mescola con nove gocce di alcol, la «agita» rapidamente in una bottiglietta e ottiene una soluzione 1:10, o, come viene chiamata, di «potenza 1» (1x); poi una parte di questa soluzione viene aggiunta a nove parti di solvente, viene agitata e si ottiene una «potenza 2» e così via. Hahnemann era convinto che l’agitazione (o dinamizzazione) rilascia energie dinamiche. Questa affermazione è assurda dal punto di vista sia della fisica che della chimica, ma potrebbe avere il suo valore dal punto di vista della ritualità e del pensiero magico-esoterico. Infatti, tra l’altro, quando non è più presente neppure una singola molecola della tintura originaria, l’agitazione avrebbe effetto solo sul solvente; allora la tintura originaria è totalmente inutile.

Basterebbe infatti agitare, fin dall’inizio, solo l’acqua… Non ci vuole molto a capirlo… In pratica, Hahnemann crede che agitando con la mano i suoi rimedi, una «forza vitale cosmica» viene trasferita dall’uomo alla preparazione omeopatica. In pratica, egli crede che la medesima «energia», che le mani del george vithoulkaspranoterapeuta convogliano direttamente sul paziente, venga convogliata indirettamente dalla preparazione omeopatica. Secondo George Vithoulkas – autore di due libri di testo sull’omeopatia – le preparazioni ad alta diluizione «non contengono nemmeno tracce della sostanza originaria. Quindi, ne consegue che l’effetto curativo non è materiale, ma comporta qualche altro fattoreenergia» Se lo dice un omeopata che l’effetto curativo non dipende dalla sostanza origi-naria, ma da altro c’è da crederci. È vero, come si dice, che i rimedi omeopatici «non aggrediscono l’organismo» (e come potrebbero?). Infatti, tanti calcoli fatti dimostrano che tali preparati contengono solo un po’ d’acqua e tantissima fantasia. Non si capisce allora come sia possibile che un medico utilizzi ancora una tale nullità. Ma gli omeopati a questo punto cavano fuori a sorpresa l’asso nella manica: i «quanti di energia». Questi si formerebbero e rimarrebbero nella preparazione come frutto delle «dinamizzazioni» (cioè degli scuotimenti), malgrado il fatto che nel preparato non esista più la «materia» di partenza, cioè non esista più neppure una sola molecola del… «rimedio». Inoltre, se ciò fosse vero, cioè se i «quanti di energia» si formano e rimangono nella preparazione come frutto delle «dinamizzazioni», perché per i rimedi non si usa l’acqua delle cascate del Niagara?… Stando così le cose… dovrebbero curare tutte le malattie! Allora? Cosa c’entrano i «quanti di energia» con l’omeopatia? Questo modo di pensare rappresenta una difficoltà scientifica e matematica di enormi proporzioni. Gli omeopati affermano, infatti, che più si va avanti con queste fantastiche diluizioni, più è grande la capacità del «rimedio» di produrre la guarigione. Scientificamente tutto ciò non ha alcun senso, anzi è proprio un’immensa stupidaggine e ciò è stato messo in evidenza da numerose autorità civili e scientifiche. Se qualcuno ha bisogno di due compresse di analgesico, se ne prende solo metà di una non ha un aumento dell’azione analgesica.

Un rapporto della Commissione Governativa Australiana, parlando della diluizione in omeopatia, afferma: «Non esiste un solo esempio in tutta l’area della farmacologia in cui la semplice diluizione di un farmaco ne aumenti la risposta che produce, non succede mai che diluendo un colorante se ne intensifichi la tinta, oppure che aggiungendo meno zucchero il cibo diventi più dolce». Nonostante tale cosa così ovvia, gli omeopati tendono a dire che l’omeopatia agisce come agiscono i vaccini. Se ciò fosse vero sarebbe necessario che nel preparato omeopatico fosse presente l’agente che deve stimolare la risposta immunologia. Ma poiché, dopo tante diluizioni non c’è nulla, la risposta chi la dovrebbe dare? L’energia cosmica?

I tipi di omeopati

Ci sono tuttavia tre tipi di omeopati:

  • Coloro che hanno demitizzato l’omeopatia e che non prescrivono rimedi molto diluiti per essere sicuri che ancora sia presente un qualche effetto delpendolo farmaco. Essi non si curano del substrato filosofico e dinamizzano il rimedio secondo il modello di Hahnemann. Per essi vale quanto ha detto la Commissione Governativa Australiana prima riportata. Tali omeopati, in pratica, cercano di sfruttare l’effetto paradosso, oppure al massimo l’effetto placebo.

  • Coloro che sono imbarazzati dalle teorie mediche di Hahnemann che sono state provate false. Vari ricercatori cercano di studiare, con l’aiuto delle più moderne tecnologie nuove conferme per l’omeopatia. I loro sforzi sono tuttavia inquinati dal fatto che uno dei mezzi di ricerca è il «pendolo» della radioestesia, che rende i risultati piuttosto discutibili e rende la mentalità degli sperimentatori… assai sospetta. Anche qui ci chiediamo: siamo nella scienza o nella magia?

  • Coloro che credono ciecamente alle teorie di Hahnemann; le sue teorie sui «miasmi», come causa delle malattie croniche, non vengono accettate più alla lettera, ma vengono comprese e accettate come verità esoteriche. Questa categoria ammette apertamente la sua fede nell’Astrologia e nelle pratiche occulte. Costoro perlomeno hanno il pregio di parlare chiaro!

Da quanto detto si deduce che mentre la prima categoria [segue una falsità N.d.R.] non presenta obiezioni dal punto di vista spirituale [in realtà ne presenta comunque dal punto di vista spirituale, nonostante tenti di mascherare la magia con la pseudo-scienza N.d.R.] (ma ne presentano da quello scientifico), non così si può dire delle altre due, specialmente la terza. Il tuo medico omeopata a quale categoria appartiene? Il Corriere della Sera, del 28 novembre 2007, in un articolo a firma di Margherita De Bac, nelle cronache, a proposito dell’omeopatia, ha riportato un titolo molto significativo: «E provato: l’omeopatia è inutile».

L’articolo continua: «Efficace come un placebo. Finta medicina. O, se preferite, acqua fresca. Stangata di Lancet, la prestigiosa rivista di scienza, sull’omeopatia. Un articolo firmato sull’ultimo numero da Ben Goldacre, autore di un commento affilato anche sul quotidiano britannico Guardian, stronca la più gettonata delle terapie alternative citando cinque ampie revisioni degli studi condotti negli ultimi anni. Tutti, sostiene, portano alla stessa conclusione: “Non sono stati evidenziati vantaggi significativi rispetto ai placebo”. Seguono, sempre su Lancet, due servizi sull’ondata antiomeopatica in Inghilterra, dove il governo ha tagliato i fondi pubblici ad alcuni centri che prescrivono le cure dolci. Polemiche anche in Italia dopo la divulgazione del documento della società italiana di farmacologia, la SIF, nell’ultimo numero della Newsletter. Bocciate oltre all’omeopatia, l’agopuntura, la medicina tradizionale cinese, la fitoterapia. Achille Caputi, presidente della SIF, spiega le ragioni dei farmacologi: “Per il servizio sanitario è un momento di estreme difficoltà economiche e non vediamo perché bisognerebbe rimborsare cure che non funzionano, come vorrebbe la proposta di legge in discussione al Parlamento”, La popolarità delle terapie alternative in Italia è per la prima volta in calo secondo l’ultima indagine Istat, 60.000 famiglie intervistate nel 2005. Gli italiani che almeno una volta hanno combattuto il raffreddore, influenza e dolori intestinali o reumatici sono 7.900.000, un milione in meno rispetto al ’99. Il motivo? Maggiore prudenza dopo gli articoli scientifici non rassicuranti».

margherita de bac ben goldacre achille caputi
Margherita De Bac Ben Goldacre Achille Caputi

Leffetto placebo

Il coraggioso Dr. Mezzetti nel suo illuminante libro 5 parla anche dell’«effetto placebo» e lo spiega demitizzando in qualche modo i mirabolanti effetti dell’omeopatia. Per effetto placebo si intende una serie di reazioni dell’organismo ad una terapia, non derivanti dalla terapia stessa, ma dalle attese dell’individuo. In altre parole, l’effetto placebo è una conseguenza del fatto che il paziente si aspetta o crede che la terapia funzioni, indipendentemente dalla sua efficacia «specifica». In definitiva, il placebo può essere inteso come un insieme di fattori extrafarmacologici capaci di indurre modificazioni dei processi, anche biologici, di guarigione intervenendo a livello psichico; non per nulla, molti autori considerano quasi sinonimi le parole placebo e suggestione.

Un effetto di suggestione, dunque! Il «placebo» si impiega al semplice scopo di soddisfare nel paziente il desiderio di ricevere un trattamento medicamentoso non attuabile in realtà o non opportuno. L’effetto placebo si ha quando l’effetto curativo avviene, come conseguenza dell’auto-convincimento dell’ignaro paziente, come se si trattasse realmente dell’azione del farmaco in sperimentazione. Coloro che rispondono bene al placebo sono chiamati placebo responders. Il Dr. Mezzetti riporta alcuni dati e le relative percentuali che riguardano le malattie «curabili» con il placebo 6. È curioso – e più che una semplice coincidenza – che circa la stessa percentuale di pazienti sono coloro che rispondono molto bene all’agopuntura, all’omeopatia e ad altri rimedi non convenzionali. Sarebbero queste le straordinarie prospettive dell’omeopatia?

III

LAGOPUNTURA

Linganno astuto delle medicine alternative

agopunturaL’agopuntura, tecnica di origine cinese, è anch’essa crescentemente impiegata nell’Occidente, soprattutto come tecnica anestetica, talvolta con risultati sorprendenti. Tuttavia, non è solamente impiegata contro il dolore, ma si cerca di applicarla contro ogni tipo di malattia, dal raffreddore da fieno all’ulcera duodenale. Ma quali sono i principî dell’agopuntura cinese? L’agopuntura sembra risalire all’epoca dell’imperatore Huang Ti (circa 5.000 anni fa). I suoi insegnamenti, dapprima tramandati oralmente, furono poi raccolti in un testo che racconta le discussioni di Huang Ti con medici e ministri del tempo. Il testo cerca di integrare le funzioni delluomo con le funzioni dellUniverso. Il mondo, secondo loro, era costituito da cinque elementi che sono stati messi in correlazione con cinque organi solidi: il cuore, i polmoni, i reni, il fegato e la milza. Questi organi stanno in una strana relazione di amicizia e di avversità tra loro, riflettendo le qualità dei cinque elementi: legno, fuoco, terra, metallo e acqua. Quindi, i reni sono organi di acqua e sono nemici del cuore che è organo di fuoco. Ogni organo è poi correlato con un pianeta e con una stagione dell’anno. Ad esempio, il cuore è correlato con l’estate. Si noti la visione infantile e prescientifica di tutto ciò! In effetti, in quel tempo, sezionare un corpo umano era proibito in Cina per ragioni religiose; quindi, i cinesi avevano un concetto molto approssi-mativo dell’anatomia umana. Essi pensavano, ad esempio, che mentre il cervello era un organo insignificante, la milza era invece il centro del ragionamento.

Le cose cominciarono a cambiare quando in Cina giunsero dall’Europa i primi concetti occidentali a proposito della malattia e della guarigione. Per quanto i concetti medici europei di allora fossero assai poco avanzati rispetto alla medicina attuale, tuttavia erano così convincenti da indurre nel 1882 il Grande Comitato Medico Imperiale ad abbandonare l’agopuntura, abbracciando la medicina occidentale.

Circa un secolo più tardi, nel 1929, fu addirittura il governo del Kuomintang a dichiarare ufficialmente abbandonata l’agopuntura. Tuttavia, le vecchie pratiche sopravvissero al cambiamento legale a causa della resistenza delle grandi masse della popolazione rurale. La cosa più significativa che permise la sopravvivenza dell’agopuntura era però l’eccessiva scarsità dei medici laureati in Occidente. È curioso: tanti in Occidente ritornano all’antica medicina cinese che i cinesi hanno rifiutato da tanto tempo, riconoscendo la superiorità della medicina occidentale!

I livelli dellagopuntura

L’agopuntura ha le sue origini nel Taoismo, un’antica religione cinese. Il Tao è l’energia cosmica universale dietro l’ordine della natura. Il Tao ha due facce, lo yin e lo yang, che sono due opposti, ma tuttavia sono la stessa cosa. In contrasto con l’insegnamento cristiano, il taoismi nontao distingue le forze opposte luce-tenebre, Dio-Satana. Il bene ed il male, secondo il taoisti, vengono quindi dalla stessa sorgente. Per i cinesi non c’è contraddizione tra religione e magia, né tra puro ed impuro. Ma nell’agopuntura, fin dall’inizio, c’è anche un suo lato oscuro e occulto, che non affiora facilmente. Intanto bisogna sottolineare la realtà poco nota dell’esistenza di tre livelli di agopuntura. Un primo livello esoterico che è quello medico, apparentemente usato per combattere il dolore e di uso comune. C’è poi un secondo livello esotericoiniziatico (denominato «agopuntura esorcistica») e avrebbe lo scopo di allontanare gli spiriti maligni. Ma gli stessi maestri di agopuntura raccomandano di non usarla, perché molto pericolosa (basta leggere infatti le testimonianze di chi ne è stato vittima!). Durante l’impiego di questa tecnica avvengono fenomeni straordinari; si dice che gli aghi arrivino fino a fondersi, per lo straordinario sprigionarsi di «energie», ma si parla anche di eccezionali fetori e di disturbi che colpiscono tutti i presenti (non sembrano affatto manifestazioni… mediche!). Infine, esisterebbe un livello ancora più esoterico, chiamato «agopuntura imperiale», a cui sembra che fossero sottoposti tutti i Mandarini (i governatori) dell’impero cinese e che aveva lo scopo di impedire che essi si ribellassero all’imperatore. In pratica, il più colossale sistema di controllo mentale, forse ipnotico, mai usato dall’uomo. Che cosa si nasconde dietro questi ultimi due livelli? Quali sarebbero le «energie» in atto? La parte occulta dell’agopuntura è purtroppo usata da molti agopuntori, anche se va detto tuttavia che altri medici che praticano l’agopuntura si trovano a disagio con l’eredità filosofica e occulta implicata nella loro professione.

L’Accademia Tedesca di Agopuntura, ad esempio, rigetta ogni spiegazione che implichi le «energie disordinate» dette «energie perverse». Altri invece rifiutano completamente la filosofia cinese. Ma c’è una terza categoria che sostiene che gli eccezionali successi dell’agopuntura: «Si possono ottenere solo quando l’operatore segue i principî messi a punto attraverso i millenni» 7. Continua ancora il Prof. Claus Schnorrenberger, grande specialista di agopuntura: «È assolutamente necessario che l’agopuntore, se vuole avere un successo significativo, segua le teorie dell’antica medicina cinese. Se l’agopuntore non tiene conto delle antiche teorie, tutt’al più può solo praticare una stimolazione non specifica» 8. George Ohsawa, il padre della macrobiotica, a sua volta dichiara che «la medicina orientale non può essere separata dalle sue radici filosofiche» 9. È per questo che molti operatori psichici considerano l’agopuntura come prova del proprio insegnamento occulto.

I risultati dellagopuntura

agopuntura - energiaSi comincia con l’escludere come punto di riferimento la scienza e si afferma che l’agopuntura è un derivato dell’antropologia orientale (cioè della concezione che dell’uomo avevano le civiltà dell’antico Oriente). Si sposta cioè il problema dal terreno scientifico a quello filosofico. Poi – in obbedienza a tale concetto filosofico – si afferma semplicemente che «luomo è energia» 10. Quali sono i risultati dell’agopuntura? Un agopuntore, tutto entusiasta di essa , così scrive: «Quando ci si rivolge all’agopuntore senza pregiudizi, si potrà sperimentare l’autentico valore dell’agopuntura, perché basata sulla potenzialità delle risorse umane che superano spesso i limiti della speranza» 11. Riemerge continuamente il delirio di onnipotenza, che sta sempre sotto i sogni New Age, che accompagna sempre più spesso i discorsi delle terapie alternative. In linea con tale delirio, una maga, su un canale televisivo, spiegava che il terzo millennio, in cui siamo entrati, avrebbe rappresentato il raggiungimento dell’ideale umano più anticristiano possibile nella sua essenza; e cioè l’uomo non avrà più bisogno di nessuno (cioè di Dio), perché sarà capace di fare tutto da solo. Così l’uomo sarà Dio! Come non riconoscere in ciò l’antica tentazione di Satana che disse nel giardino dell’Eden all’incauta Eva: «Voi sarete come Dio»? Tutti questi concetti affondano le radici nelle religioni monistiche dell’Oriente e hanno uno scopo ben preciso: spazzare via Gesù Cristo e il cristianesimo.

Il signor Monti, pieno com’è di entusiasmo per l’agopuntura, scrive: «Secondo la concezione orientale, tutta la realtà è energia» 12. Siamo tornati all’idea che tutto è energia, con il solito meccanismo: Dio è energia, tutto è energia, l’uomo è energia, l’uomo è Dio. Ma c’è di peggio! Secondo tale pensiero, tutti gli opposti sono parte della stessa realtà; allora il bene è uguale al male e Satana è uguale a… Dio.

Infatti, «l’energia comprende lo Yin e lo Yang, cioè tutta la realtà è dialettica, è dinamica, è sintesi-antitesi, è yin-yang» 13. Leggendo che il bene è uguale al male e che Satana è Dio… siamo al limite del delirio! Lo stesso Monti scrive che, perfino se l’agopuntura occidentalizzata un giorno scoprisse gli stessi punti dell’agopuntura cinese, rimarrebbe ugualmente inconciliabile e lontana dall’agopuntura cinese «per una diversa forma mentale, operativa, clinica, diagnostica, profilattica e terapeutica». Infatti, perderebbe tutta la sua parte magica ed esoterica per diventare una normale terapia medica. L’autore afferma anzi di non volere che l’agopuntura faccia «il suo ingresso nelle facoltà mediche», come già sta accadendo alle facoltà di medicina orientali, che abbandonano progressivamente queste terapie per occidentalizzarsi. Non si accorge tale autore che, così dicendo, fà capire a tutti che l’Occidente va raccogliendo misticamente quello che l’Oriente, dopo verifica scientifica, ha abbandonato?

I pericoli dellagopuntura

Vale la pena riflettere anche un poco sui problemi che potrebbero derivare dall’agopuntura agli ignari «pazienti». Nello stesso testo del Monti troviamo descritti i possibili pericoli che l’agopuntura racchiude in sé: «A questo proposito è opportuno sottolineare che non è assolutamente vera l’affermazione secondo cui l’agopuntura se non fà bene, non fà neanche male. Non si deve dimenticare che essa si basa sulla manifestazione dell’energia umana; lerrore può portare alla malattia, fisica o psichica, alla morte anticipata» 14.

Insomma, ogni paziente deve stare bene attento perché rischia addirittura «la malattia fisica o psichica, la morte anticipata»! Chi si sente veramente di far dipendere il proprio equilibrio psichico, la propria salute o perfino l’accorciamento della propria vita dalle punte di alcuni aghi cinesi? Tutto questo – anche se è stato scritto per dimostrare la grande potenza dell’agopuntura – avvicina questa tecnica più al mondo oscuro della magia che a quello delle terapie mediche. Il Dr. Mezzetti, nel suo ottimo libro, scrive: «Tralascio di parlare di altre cose ancora meno serie, quali l’iridologia, la riflessologia plantare, il reiki, l’aromaterapia, i cristalli, la piramide, ecc… Se due delle più usate terapie alternative pongono tanti interrogativi, quanti ne porrebbero gli altri»? 15.

IV

I FIORI DI BACH: medicina o

esoterismo magico?

Il Dr. Bach, la sua storia, la sua teoria

edward bachIl dottor Edward Bach era un medico inglese, morto nel 1936 ad appena quarantanove anni. Egli portò avanti una filosofia, una concezione dell’uomo e del mondo tutta personale, che appare subito scientificamente poco ortodossa, quando viene esaminata con l’occhio critico di un uomo di scienza. Non è così purtroppo per i suoi sostenitori, i quali vedono in lui uno scopritore di straordinari segreti della natura, per il benessere dell’umanità. Maria Elisa Campanini, ad esempio, animata com’è da una specie di adorazione entusiastica per il Dr. Bach, lo definisce «filosofo e maestro spirituale» 16. Venuto a contatto con l’omeopatia, il Dr. Bach fu colpito dal fatto che i rimedi omeopatici non fossero dati in base ai sintomi, ma anche in base alla personalità e ai gusti del paziente. Lavorò quindi al Royal London Homeopathic Hospital dove cominciò dapprima con il riconoscere sette gruppi di batteri intestinali che – secondo lui – corrispondono a sette tipi umani «classificati secondo il comportamento, le attitudini del corpo, l’espressione del viso, la mentalità, ecc…». Già da subito facciamo una breve riflessione: quando si leggono simili sciocchezze, cominciano a sorgere seri dubbi sull’efficacia di tali terapie. Dai sette gruppi di batteri, applicando i metodi omeopatici, preparò sette «nosodi» (termine usato in omeopatia, che significa più o meno «antidoto») per purificare il tratto intestinale (i «sette nosodi di Bach-Peterson»). Il fatto che i «nosodi» siano sette non è però un caso, né una scoperta scientifica, ma fà parte della stranissima «religione» a cui apparteneva il Dr. Bach.

Ne parleremo più avanti, quando esamineremo la sua «teologia», cioè le sue idee su di un dio, radicalmente contrarie al Dio cristiano. Scopriremo così che «i fiori di Bach» non sono affatto una terapia scientifica, né un’intuizione medica, ma sono solo uno strumento di diffusione di filosofie esoteriche e occulte di origine spiritistica.

Luomo secondo Edward Bach

Nei suoi testi, Bach parla spesso della necessità dell’uomo di scoprire il suo vero «io», che egli definisce, in un suo testo, come un «essere divino». E ancora dice: «Una scintilla dellOnnipotente, invincibile e immortale». Qui è evidente l’influsso dell’antica gnosi che vuole aiutare l’uomo a concentrarsi su questa divinità che egli avrebbe già dentro di sé…. Inoltre, ci sono nei suoi testi anche riferimenti espliciti alla reincarnazione. Ma questo è scienza o esoterismo?

Come funzionano i fiori di Bach

Molte persone li utilizzano come un semplice rimedio naturale e non sanno assolutamente nulla del pensiero esoterico di colui che li ha inventati. La teoria è questa: secondo Bach, ogni malattia fisica ha un’origine di tipo spirituale. E quindi Bach sostiene che per poter guarire, l’uomo hafiori di bach bisogno di mettere a posto anzitutto la sua «dimensione spirituale». Semplificando, possiamo dire che se uno soffre di un determinato disturbo fisico (che può essere un problema al fegato o altre malattie fisiche), occorre allora chiedersi qual è la sua causa spirituale. Egli, in pratica, sostiene che la carenza di determinate virtù provoca delle sofferenze fisiche. Per cui, ad esempio, ci sono delle paure causate da malattie o causate dalla solitudine che possono essere curate con un determinato estratto di petali di fiori… È interessante vedere come Bach specifichi che gli estratti di questi petali di fiori permettono all’uomo non di intervenire direttamente sul problema fisico, ma permettono di risolvere questa causa spirituale che, poi, automaticamente provocherà la guarigione fisica. Facciamo qualche esempio. Per risolvere i problemi di salute e diventare più tolleranti, si potranno assumere estratti di vite e questo porterà nell’uomo la capacità di rispettare gli altri, di essere saggi e autorevoli, di guidare gli altri o di lasciarsi guidare… Oppure chi prova invidia o magari tende al pessimismo, potrà assumere delle gocce di salice bianco e ricupererà responsabilità e capacità di ringraziare!… Lo schema, quindi, è il seguente: una malattia fisica ha una causa spirituale ed è, sostanzialmente, la mancanza di determinate virtù, che può essere la misericordia, la capacità di perdonare gli altri, ecc… Allora, secondo Bach, l’uomo può aumentare queste virtù assumendo gli estratti dei petali dei fiori che provocheranno, automaticamente, la guarigione fisica. Ci si rende conto subito che con i fiori non si può curare l’anima. Se fosse vero, dalla morte di Bach (inventore di questo… portentoso rimedio) avvenuta nel 1936, gli uomini sarebbero tutti buoni e virtuosi.

Ma basta ascoltare qualsiasi telegiornale per constatare che queste idee sono basate su un’evidente menzogna perché smentite continuamente dai fatti. Ci rendiamo conto anche come questo sia inaccettabile da un punto di vista cristiano, perché l’amore è un dono di Dio, da chiedere con umiltà e fiducia. E questo vale per tutte le altre virtù. Invece Bach insegna che non è così… Ma c’è di più!… Bach afferma che era in grado di entrare in contatto con lo «spirito delle piante» (quindi, è una forma di panteismo, per cui si attribuisce alle piante una dimensione spirituale) che gli avrebbero comunicato (!) per quale tipo di atteggiamento positivo e per quale tipo di virtù esse erano adatte e, quindi, quali tipi di malattie esse erano in grado di curare… Un uomo (e per di più un uomo di scienza!) afferma che le piante gli hanno comunicato come usarle!… Ma siamo seri, per favore!… Qualsiasi persona di buon senso, davanti a simili affermazioni, si chiede se questa è scienza o non è piuttosto esoterismo e occultismo…

Con i fiori ci si cura lanima?

Incuriosisce tuttavia che un tale «genio» della medicina sia morto così giovane! Se infatti era capace di mettere a punto cure così efficaci e aveva scoperto concetti così profondi della terapia medica, come mai non ha curato sè stesso allungandosi la vita? I suoi ammiratori rispondono che «era giunto per il Dr. Bach il momento di andarsene, per continuare in un’altra dimensione». Sarebbe bene che ci fosse spiegato – a noi poveri cristiani, uomini della strada, che non siamo iniziati ai misteri esoterici — che cosa significhi «per continuare in un’altra dimensione». Forse significa che il dr. Bach ha aperto un ambulatorio in Paradiso?

Oppure che si sia piazzato nell’atrio del Purgatorio per accelerare la purificazione delle anime? Pretendeva, infatti, con i suoi fiori, di curare l’«anima» e addirittura di «purificarla». Le gocce di Pine servono infatti – secondo lui – a togliere i sensi di colpa; e quelli di Olive per curare «l’esaurimento totale, dell’anima, dello spirito, del corpo». E la dottoressa Campanini, nella copertina del suo libro, proclama: «Floriterapia: medicina dell’anima». A questo punto ci chiediamo: se i fiori hanno tali proprietà redentive, a cosa servono allora i sacramenti della Chiesa? Ecco lo scopo perverso: sostituire i mezzi che Gesù ci ha dato per salvarci con «i fiori Bach»! Forse anche tanti ingenui cattolici dovrebbero riflettere con più attenzione sulle strane idee diffuse dalla favolosa terapia con i «fiori di Bach» e che pericolo sono per la fede cristiana…

Da dove nasce la sua terapia?

Nel suo libro Guarisci te stesso, il Dr. Bach afferma che se noi avessimo un amore sufficiente per tutte le cose, non sarebbe possibile commettere alcun male. Su questo principio possiamo anche essere d’accordo; tuttavia, questo stato di amore, secondo il Dr. Bach, non si raggiunge per opera dello Spirito Santo, non è frutto della grazia divina, ma è solo conseguenza della «conoscenza» e dei nostri sforzi. Qui compare con ogni evidenza la superbia dell’uomo della gnosi (dal greco gnôsis, ossia conoscenza), che si ribella a Dio; e anche su questo punto siamo in totale disaccordo con il suo punto di vista e le sue affermazioni. Circa la malattia, il Dr. Bach afferma i seguenti concetti:

  • che l’uomo raggiunge uno stato di perfezione attraverso i proprî sforzi; quindi, al Dr. Bach la grazia divina non serve e Gesù Cristo non è il suo Salvatore. Ma senza la salvezza non esiste più il cristianesimo! Così la religione cristiana viene totalmente distrutta! E scusate se è poco!

  • che la sofferenza produce la perfezione; ma questo mutamento verso il perfetto deve passare attraverso il dolore e quindi assomiglia troppo al cattivo karma, di origine indù, secondo il quale, in successive reincarnazioni bisogna soffrire abbastanza da scontare tutto il cattivo karma accumulato nelle vite precedenti. Anche questo concetto, insieme all’idea della reincarnazione, è del tutto contrario al cristianesimo;

  • che la perfezione si raggiunge attraverso la «conoscenza», non attraverso la fede in Gesù Cristo. Questo è un concetto gnostico e quindi, in sostanza, anticristiano;

  • la nostra «perfezione» è un fatto «evolutivo». Con tale affermazione certamente siamo fuori dalla teologia e dalla fede cristiana.

fiori di bach

A questo punto, il Dr. Bach, il nostro grande «benefattore dell’umanità» rivela parecchio della sua filosofia religiosa, che, guarda caso, assomiglia parecchio alla Teosofia e ai suoi derivati. La Teosofia afferma la superiorità culturale dell’Oriente, e che quindi è necessaria un’alternativa di fede e di vita ad un cristianesimo considerato in via di estinzione. La malattia nell’uomo, secondo Bach, non nasce da batteri o virus che entrano nell’organismo e vincono le nostre difese, da  scompensi ormonali, ecc…, ma nasce da fatti spirituali: «Le reali malattie primarie dell’uomo sono certi difetti quali l’orgoglio, la crudeltà, l’odio, l’egoismo, l’igno-ranza, l’instabilità, l’avidità e ciascuno di essi si rivela contrario all’Unità» 17. Ci troviamo così di nuovo davanti al numero sette.

Sarà proprio un caso? Non lo è affatto e lo vedremo più avanti. Esaminiamo invece questi «sette vizi capitali» di nuova fattura e rendiamoci conto che questi vizi – secondo il Dr. Bach – saranno combattuti con successo, non per mezzo dello Spirito Santo e della grazia divina, non con l’aiuto dei Sacramenti, ma dei fiori! Se era così semplice, come mai il Figlio di Dio non ci ha pensato durante la sua vita terrena? Curando infatti opportunamente «l’orgoglio, la crudeltà, l’odio, l’egoismo, l’ignoranza» dei suoi nemici, sicuramente non lo avrebbero fatto morire in croce!

Sette: numero magico

Una cosa da notare e ricordare è certamente la fissazione del Dr. Bach per il numero sette. Quando mise a punto i famosi «nosodi», essi risultarono in numero di sette, perché sette erano i gruppi di batteri intestinali, collegati ai sette tipi umani; sette sono pure «le reali malattie primarie dell’uomo» e sette sono anche i gruppi sotto cui sono raccolti i trentotto «fiori di Bach»:

  • Contro la paura (Rock Rose, Mimulus, Cherry Plum, Aspen, Red Chestnut);

  • Contro l’indecisione (Cerato, Scleranthus, Gentian, Gorse, Hornbeam, Wild Oat);

  • Contro la tendenza ad avere un insufficiente interesse per gli avvenimenti del presente (Clematis, Honeysuckle, Wild Rose, Olive, White Chestnut, Mustard, Chestnut Bud);

  • Contro la solitudine (Water Violet, Impatiens, Heather);

  • Contro la tendenza a lasciarsi eccessivamente influenzare da idee e personalità estranee (Agrimony, Centaury, Walnut, Holly);

  • Contro lo sconforto e la disperazione (Larch, Pine, Elm, Sweet Chestnut, Star of Bethlehem, Willow, Oack, Crab Apple);

  • Contro la tendenza a preoccuparsi eccessivamente per il benessere degli altri (Chicory, Ervain, Vine, Beech, Rock Water).

mappa dei fiori di bach
La mappa dei fiori di Bach.

I nomi devono essere rigorosamente in inglese, forse perché se i fiori venissero chiamati in italiano non capirebbero e perciò… non funzionerebbero? Inoltre, ci chiediamo se sia minimamente serio curare con i fiori queste…malattie!

La curiosa teologia del Dr. Bach

In tutta la sua opera si incontrano ripetutamente le parole «Amore», «Unità», «Grande Creatore di ogni cosa», ma queste parole non hanno per lui lo stesso significato che hanno per noi. Un esempio tipico è il seguente: «L’Universo è Dio reso obiettivo. Alla sua nascita è Dio rinato, alla sua fine è Dio più altamente evoluto. Così è per l’uomo, il suo corpo è il suo “Io” stesso esteriorizzato, una manifestazione obiettiva della sua natura interiore. È l’espressione del suo “Io”, la materializzazione delle qualità della sua coscienza» 18.

In poche frasi il Dr. Bach qui afferma che Dio e lUniverso sono la stessa cosa (e questo è puro panteismo; l’Universo è addirittura «Dio reso obiettivo»), e che Dio in ultima analisi è l’Universo… in evoluzione. L’uomo, poi è una copia-carbone di Dio? Questi concetti, naturalmente, sono assolutamente inconciliabili con la visione cristiana di Dio e dell’uomo. Continua ancora imperterrito: «Se solamente potessimo restare in costante comunione con la nostra Anima, il nostro padre Celeste, allora in verità, il mondo sarebbe un luogo di allegria e nessuna influenza negativa potrebbe agire su di noi» 19. La nostra «Anima», per il Dr. Bach, sarebbe quindi addirittura Dio Padre («il nostro padre Celeste»). È sconcertante!… Ma c’è di più! Il Dr. Bach afferma anche la superiorità del «signor Buddha» su Gesù Cristo 20.

Egli afferma che Gesù è soltanto uno dei «grandi Maestri» ed è venuto solo a «mostrarci la via», non a salvarci. Così tutto il cristianesimo è distrutto alla radice! Questo guazzabuglio di idee pseudo-cristiane, teosofiche, sincretiste ed esoteriche ci indicano sempre meglio quale fosse il pensiero reale (certamente non cristiano) del Dr. Bach. Ma quanti cristiani, che usano «i fiori di Bach» sanno queste cose? E allora è il caso di dire: «Grazie, Dr. Mezzetti, di aver detto coraggiosamente come stanno le cose e di averci illuminati»!… Se simili idee venissero accettate, anche grazie all’astuto mezzo dei «fiori di Bach», dello yoga o delle medicine alternative orientali, tanti ingenui cristiani potrebbero finire a cercare Dio nella propria identità («io sono Dio»!), in un intimismo senza sacramenti, autosufficiente rispetto alla Chiesa, e il cristianesimo sarebbe in grave pericolo.

I fiori di Bach e lesoterismo

Quanto questa terapia sia pesantemente inquinata dall’esoterismo, dalla divinazione e dalla magia si comprende facilmente guardando a come si pratica la diagnosi e si assegna la cura. Scrive una seguace del Dr. Bach, Mechthild Scheffer: «Anzitutto alcune interessanti riflessioni di natura esoterica sul rapporto uomo-fiore. Da sempre il fiore è stato usato come simbolo di bellezza e di sviluppo delle più alte facoltà. Si pensi alla Rosa dei Rosicruciani (una Società Segreta a carattere esoterico e magico; N.d.A.) e dei Sufiti (un movimento mistico esoterico dell’islam; N.d.A.), o al loto millefoglie della filosofia indiana. E questo perché quando l’uomo comparve sul pianeta Terra per sviluppare il proprio corpo fisico, la pianta era in una fase di sviluppo evoluzionistico già molto avanzata. Pertanto l’umanità è debitrice di gran parte della propria struttura alle energie che seppe trarre dal regno vegetale quasi perfetto» 21.

Non è difficile vedere come attraverso queste teorie si arrivi ad una adorazione panteistica della Natura, che per quanto già detto prima, è una logica conseguenza, perché in fondo essa è Dio, e anche l’uomo lo è. Alice Bailey (1880-1949) scrive che «il Maestro tibetano Djwal Khul» sostiene che anche oggi esiste un collegamento tra il regno vegetale e l’inconscio di ogni uomo: «Quindi, l’uomo può, superando la barriera del proprio inconscio, mettersi in contatto, attraverso l’essenza della pianta, con la sua propria essenza o Io Superiore e comporre le disarmonie che ha in sé stesso» 22.

mechthild scheffer alice bailey djwal khul
Mechthild Scheffer Alice Bailey Djwal Khul

Notiamo che l’«essenza» della pianta non ha nulla a che fare con il pro-fumo (farmaceuticamente chiamato «essenza») del fiore o della pianta, ma piuttosto – attenzione! – con l’anima della pianta. La guarigione avviene, secondo costoro, quando l’anima del fiore entra in contatto con la nostra «Anima», che poi è addirittura «Dio Padre». Il Dr. Mezzetti fa giustamente notare nel suo ottimo libro che la cosa di cui i cultori impazziti delle medicine alternative non si accorgono è che tutte le loro teorie prendono vita dalla magia 23.

Egli stesso afferma ancora che tutti libri che ha letto sui fiori di Bach sono pieni di fatti e di suggerimenti che tendono a condurre il lettore fuori dal mondo reale, per condurlo in uno stato di quasi delirio esoterico, con molti risvolti decisamente magici. D’altronde, il Dr. Bach non era uno che amasse la scienza: «Non occorre nessuna conoscenza scientifica per poter usare i concentrati di fiori. Chi voglia ricavare il massimo vantaggio da questo dono di Dio deve mantenerli nella loro originale purezza, immuni da ogni teoria e considerazione scientifica, perché nella natura tutto è semplice» 24.

Ma è una cosa seria?

Quando si cerca di fare un discorso serio con i cultori della medicina alternativa ci si arena sempre sul terreno dell’incomunicabilità, per una ragione molto semplice: non è possibile far comunicare la magia con la scienza. Il modo di sfuggire al dibattito è molto semplice: si afferma che non è possibile parlare con gli scienziati perché essi sono «materialisti» e si tira in ballo lo «spirito». Ad esempio, lo «spirito della materia» degli omeopati, che non è altro che panteismo ribollito e mascherato con assurdi concetti «energetici», che vorrebbero darne una spiegazione con la fisica quantistica di Albert Einstein (1879-1955) 25. Maria Elisa Campanini, ad esempio, nella sua opera già citata, non conosce la visione cristiana dell’uomo che è ben diversa da quella che lo considera come un essere «circondato e permeato di energia» (come lei sostiene), ma è invece costituito da una unità inscindibile di anima e corpo. L’anima spirituale dell’uomo quindi non c’entra affatto né con il livello «sottile» dell’uomo, né con l’aura, né con l’«energia» e nemmeno con l’Io Superiore (Dio Padre). Ma l’uomo tutto intero, anima e corpo, alla fine entra in «comunione con Dio» e, in Cristo, perfino «partecipa» alla sua divinità, senza esservi annullato, come avviene, invece, nel panteismo delle religioni orientali e nella Teosofia. Questa è la grande, gioiosa certezza del cristiano. Il Dr. Mezzetti afferma ancora che l’autrice non solo non conosce il cristianesimo, ma che in realtà non conosce nemmeno le scienze esatte e, pur enunciando strafalcioni in abbondanza sulla fisica quantistica e su Einstein, sfugge a qualsiasi serio confronto dicendo che «la floriterapia (così come l’omeopatia o l’agopuntura) agisce su un diverso livello energetico, su un piano superiore “sottile”, che ci obbliga a ribaltare il nostro punto di osservazione. Dobbiamo infatti considerare ogni essere, ogni sistema vivente, circondato e permeato di energia: quella stessa energia chiamata “prana” dall’antica tradizione indiana, o “Ch’i” da quella taoista cinese, e che oggi, grazie alle scoperte della fisica moderna, potremmo definire “campo energetico universale“». Ma che serietà è mai quella di affermare che l’essenza dei fiori agisce sul piano «sottile», cioè quello dell’«aura» – che la scienza non può riconoscere – e poi parlare di «scientificità della floriterapia»?

Quale terreno comune c’è tra una filosofia o un’antropologia (una concezione dell’uomo) – esplicitamente magica nella sua sostanza – e la scienza? Per nostra fortuna (continua il Dr. Mezzetti) il povero Einstein, sempre citato a sproposito, soleva dire che non c’è nulla di più infinito della stupidità degli uomini. Non possiamo che essere completamente d’accordo con lui 26.

Conclusioni

Nota del redattore di MariaPortamiVia: Non si sottovaluti che per quanto Don Poupard possa fornire una precisa e utile opinione circa la New Age, ebbene ciò non conferisce attendibilità alla setta del Vaticano II con la quale egli trovasi malauguratamente tuttora in comunione. –

Il Cardinale Paul Poupard ha sottolineato con grande acutezza i pericoli per la fede che sono connessi con l’aprirsi a tutte le sciocchezze che goccia a goccia il New Age fà ingoiare ad una grande massa di persone scarsamente preparate ai valori della nostra fede. Egli acutamentepaul poupard afferma: «Per noi cristiani, la salvezza è la liberazione dal peccato che è dentro l’uomo. Cristo, solo Lui, è il liberatore. Ciascuno di noi, però, collabora a questa redenzione, prima di tutto avvertendo dentro di sé, il senso del peccato». I fiori di Bach allora come possono sconfiggere le «malattie-peccati» e «curare l’anima»? Non è forse quella di Bach una negazione della salvezza operata da Gesù Cristo? Come può quindi un cristiano credere nelle qualità terapeutiche di rimedi che hanno come base, non la scienza, ma filosofie blasfeme, magiche e spiritistiche? Il Cardinale continua: «Se non si parte dal sentirsi peccatori, si nega di fatto la redenzione di Cristo. Oggi più che mai si deve affermare che il peccato è il primo e più grande male dell’uomo! È il peccato che ci porta ad essere cattivi, violenti, disonesti. Dal peccato dobbiamo convertirci giorno per giorno. Con un serio impegno dobbiamo quotidianamente cercare di cambiare vita, rialzandoci prontamente quando cadiamo, chiedere aiuto alla grazia divina». Il Cardinale poi parla della salvezza secondo le contorte teorie del New Age, teorie anticristiane che sono alla base del pensiero del Dr. Bach e della sua terapia: «Il discorso (nel New Age) diventa completamente diverso. Non si parte dal sentire dentro di sé il peccato; anzi, il peccato viene eliminato in tutte le sue forme e quindi viene negata la necessità di una conversione personale. La serietà della vita umana, che è il cuore del messaggio di Cristo, viene completamente dissolta, perché c’è una banalizzazione della libertà e della responsabilità personali. Non c’è bisogno del Redentore né della croce e della Resurrezione di Cristo». C’è da tremare di fronte a simili realtà, ignorate purtroppo anche da tanti ingenui cristiani. Tutto ciò è sicuramente un attacco frontale sferrato contro la dottrina e l’insegnamento di Cristo!

Il Cardinale Poupard continua: «Nel New Age tutto è improntato alla dolcezza e al sentimentalismo, all’armonia, alla calma, all’accordo con sé stessi. Ora, ci si salva quando si ha l’accordo con Dio, non con se stessi; o meglio, ognuno di noi troverà l’accordo con sé stesso solo quando lo avrà con Dio. Se la salvezza non è intesa così, si finisce – come fà il New Age – per scadere in una sorta di benessere egoista, frutto di un ottimismo ingenuo. Anche lo sviluppo della coscienza, di cui il New Age spesso parla, non fà affatto riferimento ad una coscienza intesa in senso morale, ma in senso psicologico, come unità interiore con sé stessi e col cosmo intero. Credo, quindi, che il divario fondamentale tra la salvezza cristiana e quella del New Age stia nel fatto che per noi cristiani la salvezza è opera di un Altro (Dio), viene dal di fuori. Per il New Age è l’uomo stesso che è nello stesso tempo redento e redentore, salvato e salvatore». Queste parole del Cardinale Poupard illustrano molto bene le tentazioni che cercano di sedurre i cristiani del nostro tempo e non sono eventi trascurabili.

Chi ha a cuore la salvezza dei propri fratelli non può rimanere indifferente all’attacco massiccio che viene scatenato contro Gesù Cristo. Questo odio è naturalmente diretto contro il Figlio di Dio. Contro di noi è solo perché siamo di Cristo. Se i più piccoli, i semplici saranno confusi e portati lontano da Cristo, che è «Via, Verità e Vita», tutti ne saremo responsabili. Per questo ognuno di noi non può rispondere come Caino: «Sono forse il guardiano di mio fratello»? (Gn 4, 9). E proprio perché non siamo come Caino, la Parola di Dio ci dice: «Grida a squarciagola, non avere riguardo; […] alza la voce» (Is 58, 1).

Se oggi Gesù Cristo si rivolgesse ai cultori di questa medicina, così impastata di tante sciocchezze dal punto di vista scientifico, ma anche figlia della Teosofia, che ha ridotto ed abbassato il Figlio di Dio ad una figura talmente minore da essere addirittura un… dipendente del Buddha e chiedesse: «Voi chi dite che Io sia»?, essi potrebbero rispondere solamente che è solo uno dei tanti maestri dell’umanità (e neanche il più importante) e che non hanno bisogno di Lui né del suo Vangelo, perché la salvezza la cercano ormai nei… fiori di Bach! La cosa sarebbe ridicola se non fosse tragica. Giunti a questo punto, però, una domanda preme: la domenica, in chiesa, costoro potrebbero ricevere la SS.ma Eucarestia?

Testimonianza

Questa testimonianza viene da un medico che, per anni, ha praticato la medicina alternativa, giungendo infine ad essere sommerso da molti problemi spirituali. Era assai convinto di ciò che faceva, tanto da considerare ogni possibile critica fatta «con i paraocchi». Infine, un giorno ebbe occasione di rendersi conto della propria situazione. Questa testimonianza andrebbe letta con molta attenzione, per poi rifletterci sopra. «Sono un medico generico convenzionato presso l’A.U.S.L. pyramid power - potere della piramidenº 10 di Camerino e ho praticato per sette anni la medicina orientale (agopuntura, medicina ayurvedica e shiatsu). Devo innanzitutto precisare che la motivazione che mi ha spinto a praticare queste discipline orientali non consisteva tanto nell’interesse economico, quanto nella curiosità, nel desiderio di conoscenza senza confini, che si accompagnava ad un altrettanto illimitato desiderio di onnipotenza. All’inizio del corso medico mi veniva spiegato il concetto di “Medicina Olistica” (il medico orientale è un “tuttologo”, cioè un terapeuta che cura tutte e tre le componenti dell’uomo: spirito, anima e corpo). Durante le lezioni tenute da colleghi specialisti nelle varie branche della medicina occidentale, mi sorprendeva però vedere come si passasse facilmente da un piano puramente scientifico ad un piano appartenente al campo della parapsicologia. Ciò suscitava in me, naturalmente, vivaci reazioni di protesta, accolte dal corpo docente con noncuranza. Ad esempio, un giorno mi arrabbiai perché si doveva partecipare ad una esercitazione sui poteri della Piramide“. Qualcuno dei discenti avrebbe dovuto fare da cavia collocandosi sotto una Piramide lignea per sperimentare l’effetto “terapeutico” di tale oggetto su una qualche affezione del proprio organismo. Naturalmente, la Piramide in questione doveva avere le stesse dimensioni scalari della Piramide di Cheope, sul conto della quale esiste una risaputa tradizione magica ed esoterica, più che “terapeutica”. Andando avanti con gli studi ho tuttavia dimenticato, o meglio, sminuito, l’importanza di certi episodi come questo della Piramide e di certi atteggiamenti, di un docente in particolare, che una volta, durante un’altra esercitazione, con la semplice “energia del pensiero” riuscì a condizionare il tono muscolare dei miei arti superiori. Ricordo che ero disteso sul lettino da visita e l’insegnante di kinesiologia applicata 27, non avendo a disposizione rimedi omeopatici 28 del caso in questione si limitò a pensare all’azione di tali rimedi. Fu sufficiente questo comportamento perché le mie braccia acquistassero e perdessero completamente la forza muscolare durante i vai test kinesiologici. Agopuntura e omeopatia sono medicine energetiche accomunate cioè dall’energia vitale o “Qi”. Nella mia testa era purtroppo invisibile la sottile ragnatela dell’occultismo in cui ero rimasto intrappolato e le cui maglie sono rappresentate dalla pranoterapia, dalla magia bianca, rossa, o nera, dalla radioestesia (uso del pendolino), dalla chiromanzia, ecc… Anzi, pensavo con orgoglio che l’agopuntura e l’omeopatia avessero una connotazione scientifica, che le differenziasse nettamente dalla pranoterapia e da realtà simili alla pranoterapia, come la radioestesia. Rimanevo tuttavia perplesso di fronte al fatto che sia l’agopuntura sia la pranoterapia sfruttassero il prana, che altro non è che la traduzione sanscrita del termine cinese “Qi” attraverso i meridiani, che, mi era stato insegnato, avevano una ben precisa collocazione anatomica. In seguito, però, la realtà anatomica di questi vasi cosiddetti energetici mi risultò del tutto infondata, e soprattutto mi risultò infondata la miriade di tecniche che conducevano ad uno stesso punto di approdo: la guarigione del paziente o il suo “sentirsi meglio” (“you will be better” è appunto il motto della kinesiologia moderna). Dal punto di vista puramente epistemologico devo allora ammettere che tutta la medicina orientale e in generale tutta la medicina cosiddetta energetica o bioenergetica è medicina non scientifica, in quanto non dimostrabile o meglio, per dirla con Karl Popper o Dario Antiseri (sostenitori della moderna epistemologia) non falsificabile. Si tratta cioè di discipline che per la loro stessa natura non possono essere sottoposte al vaglio del metodo cartesiano. In ultima analisi non sono paragonabili alla scienza, ma alla ideologia, cioè ad una realtà inconfutabile e dogmatica. Per questa loro stessa natura si pongono quindi sullo stesso piano del cristianesimo, con il quale sono peraltro in completa antitesi. Riprendo laenergia trattazione delle “crepe” del tessuto complesso della cosiddetta medicina alternativa. Chiarita la pseudo-scientificità della medicina orientale e di gran parte della medicina alternativa in generale, mi soffermerò ora sulla connotazione profondamente anticristiana di tutte le tecniche e discipline ispirate al concetto di bioenergetics o energia vitale. Quest’ultima chiamata, come ho già accennato, “Ki, o “Qi”, o “Prana”, è strettamente ancorata alla filosofia del Taoismo, che nega ogni forma di trascendenza, facendo confluire tutta la realtà nel concetto del Tao, in cui scompare ogni distinzione fra bene o male. A questo proposito, nel taoismo si può riscontrare la stessa dialettica del materialismo storico di Marx e Engels. Infatti, morale cristiana e morale illuminista non solo convivono nello stesso concetto di Tao assoluto, ma trapassano gradualmente l’una nell’altra senza una netta linea di confine. Questo spiegherebbe la corruzione morale di chi si dedica alla medicina esoterica e bioenergetica. Personalmente, ho sperimentato l’antitesi netta tra la mia etica di cristiano e le discipline insegnatemi nella scuola di medicina orientale. Ad esempio, nulla vieta ai maestri di shiatsu di avere rapporti sessuali con le pazienti trattate, senza badare al loro stato civile o, peggio ancora, alla loro età. Nella mia esperienza medico-ambulatoriale mi accorgevo del grande potere ipnotico dell’agopuntura e della medicina tradizionale cinese in generale, dal fatto che le pazienti, soprattutto giovani donne, erano letteralmente incantate dal mio modo di fare durante l’attività medico-professionale. Si era creato cioè un transfert ipnotico indistruttibile, che andava oltre il semplice rapporto medico-paziente, come quello che si può stabilire semplicemente fra un medico di base e un suo qualsiasi assistito. Pensieri di adulterio e violente tentazioni sono stati all’ordine del giorno per un certo numero di anni, fino a quando l’opera di un sacerdote esorcista mi ha liberato dall’influsso negativo del Taoismo sulla mia vita spirituale. Il giorno dopo il primo esorcismo il continuo viavai di giovani pazienti nel mio ambulatorio cessò improvvisamente, e questo fu un segno della divina Provvidenza, che mi fece molto riflettere e considerare in senso critico tutto il mio operato di medico agopuntore e nello stesso tempo di medico di medicina generale. Infatti, fino ad allora mi ero dedicato alla cosiddetta medicina integrata, o meglio olistica, senza considerarne né i pericoli, né le contraddizioni intrinseche ad essa. La mia coscienza di cristiano “sulla carta” era letteralmente sconvolta dai danni da me provocati a catena sulla vita spirituale di tutti quelli che, uomini e donne, si erano sottoposti ad un trattamento di medicina tradizionale cinese. Ho accennato anche agli uomini, perché su questi ultimi, benché non ci fosse alcuna influenza di tipo sessuale, si estendeva, o meglio si esercitava, un influsso indipendente dalla mia volontà, sempre di tipo ipnotico, che li portava ad essere succubi del mio operato. È stato dopo il primo esorcismo, al quale ne sono seguiti naturalmente degli altri, che ho cominciato a rendermi conto, a livello cosciente, della pericolosità di tutte le discipline mediche bioenergetiche, le quali svuotano la parte conscia della persona, facendo emergere e imperare in essa tutti gli impulsi dell’inconscio e del subcosciente. Quest’ultimo è la parte dell’inconscio che si manifesta durante i sogni e che quindi dovrebbe rimanere sopito durante la veglia. In realtà, durante tutti i sette anni in cui mi sono dedicato alla medicina esoterica era come se non ci fosse alcuna linea di demarcazione fra l’attività arthur schopenhaueronirica e l’attività dello stato di veglia. Mi sono trovato cioè nella stessa condizione dell’individuo psicotico in cui, per dirla con il filosofo Schopenhauer, che considera la follia come un lungo sogno e il sogno come una breve follia, non esiste soluzione di continuità fra realtà e fantasia. Devo dire ora, a posteriori, che mi è andata bene riguardo agli effetti che la medicina esoterica poteva produrre sulla mia psiche e che veramente ho “scherzato a lungo con il fuoco”. Purtroppo, nonostante non ci sia stata alcuna azione demolitrice sulla mia psiche da parte dell’esoterismo, tuttavia mi rendo conto ora, a posteriori, che la mia vita spirituale ne è risultata gravemente compromessa. È così che si spiegano tutti i miei insuccessi nel tentativo di testimoniare quella che ora considero solo una fede “intellettuale”, che non cambiava né il mio né l’altro animo, ma anzi era motivo di scandalo per me e per il prossimo, a causa della mia totale incoerenza e durezza di cuore. Ho ancora moltissimo da raccontare, ma per ora mi fermo qui. In precedenza ho ricordato l’attinenza della medicina energetica al campo della parapsicologia, adesso desidero ancor meglio evidenziare i legami tra queste due discipline. Durante una esercitazione di bioenergetica medica, in particolare di kinesiologia applicata, un medico, docente di un centro studi di Bologna, passò a circa dieci centimetri di distanza dal mio corpo, disteso sul lettino da visita, il palmo della sua mano, percorrendo, come lui asseriva, in senso controcorrente energetica il meridiano del fegato; dieci centimetri sono all’incirca la medesima distanza alla quale una mia paziente pranoterapeuta passò successivamente le mani sopra il corpo di un’altra mia assistita durante un esperimento che volli effettuare nel mio ambulatorio, dopo aver conseguito il diploma di Bioenergetica Medica 29. In quest’ultima circostanza, ho potuto sperimentare di persona il potere magico della pranoterapia, che non ha nulla a che fare con la scienza, in quanto il famoso “fluido” dei pranoterapeuti non è altro che “energia termica di origine occulta“, che si sprigiona in particolari occasioni da persone che presentano sempre una personalità disturbata, anche se i disturbi possono essere più o meno allo stato latente. Nella circostanza di Bologna si verificò un indebolimento generalizzato di tutti i miei gruppi muscolari, nel mio ambulatorio la paziente “cavia” avvertì dapprima il calore, poi all’improvviso, freddo pungente. Quest’ultima sensazione fu avvertita nel momento stesso in cui io, come medico sperimentatore, mi misi a pregare interiormente, in silenzio, per non interrompere la sensazione di caldo avvertita dalla donna che stava sul lettino. La pranoterapeuta, che stava operando sopra tale paziente, rimase esterrefatta, perché le avevo mandato a monte la seduta, che oggi con buone ragioni posso considerare un rito magico, alla pari di quello compiuto durante l’esercitazione da me prima ricordata, in cui l’energia che scorreva lungo il canale energetico del fegato in senso antimeridiano aveva provocato l’indebolimento di tutta la mia muscolatura. Volendo fare una battuta di spirito, direi che l’unica differenza tra un caso e l’altro consisteva nel fatto che nella scuola ero un “apprendista stregone”, mentre nel mio ambulatorio ero uno “stregone diplomato”, da poco però riconvertito al cristianesimo. Al momento attuale mi è molto chiara l’equivalenza della pranoterapia e della kinesiologia applicata: entrambe si trovano sullo stesso piano della magia, cioè sullo stesso livello di qualcosa chenguyen van nghi non è dimostrabile scientificamente, né è moralmente etico, in quanto anziché essere a servizio dell’essere umano, pone quest’ultimo in balia di forze occulte di cui egli stesso diventa “medium” nelle relazioni interpersonali. Nella stessa logica diventa lapalissiana la correlazione tra l’omeopatia ad alte diluizioni (in cui cioè viene ampiamente superato numero di Avogadro e quindi nella soluzione non esiste neppure una singola molecola del rimedio omeopatico iniziale, ma solo la cosiddetta “energia” del rimedio in questione) e l’agopuntura esoterica di Van Nghi in cui bastano uno o due aghi per sortire l’effetto terapeutico per il quale in genere sono necessari almeno una decina di aghi. Nell’epoca in cui invece ero studente di Bioenergetica Medica c’era, per me, una sostanziale differenza fra la pranoterapia e la disciplina da me studiata in quanto quest’ultima mi veniva presentata con una parvenza di scientificità. Inoltre, mi si parlava sempre di “medicina integrata”, cioè della possibilità di affiancare la medicina alternativa alla medicina occidentale classica. Succedeva in pratica a me in quel periodo quello che accade a coloro che si avvicinano a movimenti pseudo-religiosi come quello di Scientology o del New Age. In questi momenti inizialmente, infatti, viene mostrata totale compatibilità tra la fede cristiana e la dottrina pseudo-religiosa della sètta; successivamente, però, l’adepto si accorge di perdere progressivamente quei principî, quei fondamenti della religione cristiana che, purtroppo, conosceva solo superficialmente e diventa conseguentemente un apostata. Così, in campo medico il neofita della Medicina Esoterica rimane intrappolato nella tagliola della concezione olistica dell’uomo, di cui si prenderà cura sotto l’aspetto somatico, psichico e spirituale (così almeno gli viene insegnato); diventa così medico e pseudo-sacerdote. A poco a poco le classiche conoscenze mediche imparate all’Università impallidiranno di fronte ai poteri magici che egli verrà via via acquistando, ed egli stesso arriverà ad asserire di essere diventato una divinità. A questo proposito, mi ricordo di un episodio, in cui uno dei vari docenti di Medicina Alternativa affermò di sentirsi un dio in terra vero e proprio, per il fatto di avere a disposizione tutto lo scibile esoterico e nel contempo tutto il bagaglio culturale delle sue specializzazioni medico-uni-versitarie ufficiali, che gli consentivano di curare qualsiasi paziente con ammirevole disinvoltura e sicuro successo. Riaffiora qui il delirio di onnipotenza del superuomo di Nietzsche che non è più solo artefice del proprio destino, ma diventa addirittura manipolatore del destino altrui. Sono cioè io, medico-mago, a decidere come guarirti e che cosa guarirti. Se cioè ritengo che la causa di tutti i tuoi mali fisici sia uno squilibrio dell’anima, allora ti somministrerò tutti quei rimedi omeopatici ad alta diluizione (vere e proprie “bufale” farmacologiche, o forse meglio, vere e proprie pozioni magiche) in grado di riequilibrarti la psiche e conse-guentemente… il soma! Altri episodi che purtroppo ho percepito più tardi come “stonature esoteriche” fanno riflettere sulla grande pericolosità della maggioranza delle tecniche mediche alternative per l’equilibrio psichico della persona. Tale pericolosità è direttamente proporzionale al coinvolgimento dei docenti delle predette discipline, in pratiche culturali orientali, o di ispirazioni orientale, come lo yoga mentale e la Meditazione Transcendentale, dagli stessi insegnanti descritti come “pratiche divine”. Ora posso dire con certezza che ciò che mi impediva, durante la frequenza ai corsi di Medicina Alternativa, di prendere posizione contro le eresie mediche propinate, o per lo meno di valutare criticamente quello che mi veniva insegnato, era il transfert ipnotico che si era stabilito tra il corpo docente e noi “poveri allocchi”, medici neolaureati in circa di una occupazione dignitosamente remunerata, che higher selferavamo lì, nelle aule, a bere fino in fondo il calice del veleno esoterico che ci veniva propinato. È lo stesso transfert ipnotico che in un secondo tempo si sarebbe instaurato tra noi “giovani maghi”, neo-diplomati, e i disgraziati pazienti che sarebbero finiti nelle nostre mani di “guaritori”. Ecco così spiegata la catena diabolica destinata a protrarsi all’infinito del transfert ipnotico-medianico terapeuta-paziente. Quest’ultimo poi, “miracolosamente guarito”, diventa a sua volta anello di tale catena e aggancia da parte sua, attraverso la sua opera di propaganda, pazienti da sottoporre alle cure esoteriche del medico alternativo. Oggi, purtroppo, si vive in un’era di nomadismo sanitario, come di nomadismo religioso. Si passa cioè disinvoltamente da un credo o movimento religioso all’altro, così come si passa da uno specialista sanitario all’altro, perché ci si è abituati ad un clima di relativismo che investe tutti settori della vita sociale. Non c’è più un punto di riferimento certo, “un centro di gravità permanente” come direbbe Franco Battiato. Unico punto di riferimento più stabile degli altri è il principio del piacere, che viene ricercato con ogni mezzo ed in ogni campo. È come se l’umanità avesse subìto una vera e propria regressione psicologica alla fase orale analitica (vedi Melania Klein) della psicanalisi, in cui l’essere umano bambino non desidera che soddisfare con immediatezza le sue pulsioni istintuali. Ecco quindi spiegata la motivazione per cui un’alta percentuale di persone si rivolge al medico alternativo: un tuttologo in grado di risparmiare al paziente tutta la trafila di analisi, visite specialistiche, indagini strumentali, tickets sanitari. Una figura sanitaria nuova che molto spesso lavora in équipe, insieme ad altri medici esoterici e utilizza apparecchiature (apparecchiature di Voli, Nora, ecc…) in grado di fare ai malcapitati pazienti “accurati check-up bioenergetici” basandosi su principî magici e occulti della medicina tradizionale cinese. A volte tali check-up vengono fatti alla maniera dei famosi medici agopuntori cinesí cosiddetti “scalzi” senza l’ausilio di alcuna apparecchiatura, ma sfruttando solamente i test più semplici, con quelli della kinesiologia applicata, che si fonda sempre sulla teoria dei meridiani agopunturali, e peggio ancora praticando l’esame dei polsi, per il quale si fà affidamento soltanto sul grado di sensitività del terapeuta esoterico. Quest’ultimo, dulcis in fundo, potrà addirittura evocare le potenze spiritiche collegate con i vari punti dell’agopuntura, pronunciando ad alta voce in cinese il nome degli stessi punti. Perché, testuali parole di un docente della scuola della medicina integrata di Bologna, “la pronuncia ad alta voce dei punti agopunturali nella lingua originale produce un effetto più rilevante sul paziente“» 30.

V

LA PRANOTERAPIA

Fidarsi della pranoterapia?

Generalmente coloro che praticano questa terapia hanno nella loro storia personale, o in quella dei loro genitori, collegamenti con la magia, lo spiritismo, ecc… Per chi non lo sapesse, la pranoterapia è nata in seno al tantrismo (una forma di yoga) come pratica magica per ottenere la guarigione dei malati tramite il prana, che significa «soffio vitale», che il dio del vento Vayù, della religione induista, avrebbe donato ai suoi seguaci. Il fatto che tanti credono a queste sciocchezze mitologiche è la prova dell’accecamento spirituale in cui tanti si trovano e profetizzato da San Paolo: «Verrà il tempo in cui gli uomini non sopporteranno più la sana dottrina, rifiutando di dare ascolto alla verità per volgersi alle favole» (2 Tm 4, 3-4). Questa concezione è poi giunta in Occidente per indicare una presunta energia cosmica che la scienza ha dimostrato inesistente. L’allora Cardinale Joseph Ratzinger, Prefetto per la Congregazione per la Dottrina della Fede, ha dichiarato circa la pranoterapia: «Le pretese doti di guarigione dei pranoterapeuti sono un segno di paganizzazione e non hanno nulla a che vedere con la fede cristiana e con il carisma delle guarigioni. Fanno parte di un terribile mondo sotterraneo».

Purtroppo, sono molte le persone che fanno ricorso alla pranoterapia, perché praticata da qualche sacerdote o raccomandata da qualche suora. Proprio attraverso questi religiosi è la Chiesa stessa che viene danneggiata. Padre Gabriele Amorth ha detto così di questi sacerdoti e religiosi: «Sono ciechi che guidano altri ciechi! È ignoranza colpevole da parte di quei sacerdoti. In questo caso non occorrono condanne vescovili; ci sono già le condanne della Bibbia, dei Concili e della Congregazione per la Dottrina della Fede». Il sottoporsi alla pranoterapia o il praticare questo tipo di guarigione diventa un sicuro ostacolo allo spirito di preghiera e al dialogo con Dio. Per tutti coloro che si sottopongono alle cure dei «guaritori», la preghiera diventa un’abitudine e il rapporto con il guaritore diventa di dipendenza (che spesso gli frutta molto denaro!). La vera liberazione e guarigione è quella di Gesù Cristo, al quale nulla è impossibile. Secondo la nostra fede è, infatti, Dio che guida l’uomo e guarisce. Secondo i guaritori è invece l’uomo a dirigere Dio e a guarire per mezzo dei proprî doni. Per loro, infatti, il naturale proviene da una visione metafisica derivata da filosofie pagane.

pranoterapia

I guaritori

Sono molte le vittime di guaritori che si dicono dotati di «poteri» in grado di agire nel campo delle guarigioni fisiche. Essi ingannano i loro clienti affermando quasi sempre di essere in comunione con la Chiesa. Affermazione resa ancora più credibile da quei religiosi e da quelle religiose che non solo li frequentano, ma collaborano con essi, consigliandoli ai sofferenti. I «poteri» di questi guaritori quasi sempre sono ereditati da qualche antenato, e più che di «poteri» bisognerebbe parlare di «spiriti», da cui provengono i poteri, sotto forma di «energia» o «calore» o «fluido» che essi manipolano a loro piacimento, con l’imposizione delle mani, oppure con la recita di finte preghiere imparate a memoria.

Preghiere usate sempre come formule magiche e quindi contrarie alla fede cristiana! Numerosi sono i danni fisici e spirituali ottenuti proprio dall’intervento dei «guaritori». I cristiani poco informati cadono con facilità nelle loro mani, convinti che quello che essi usano per guarire sia semplicemente un «dono naturale» che tutti possono avere. D’altro canto, i «guaritori» mentono quando affermano di aderire strettamente alla Chiesa. Questo lo dichiarano per tranquillizzare i loro «pazienti». Ad esempio, i pranoterapeuti dicono che il loro fluido sia un «carisma di guarigione» e come gli Apostoli di Cristo pretendono di imporre le mani (che non sono consacrate come quelle dei sacerdoti). Essi affermano spudoratamente che anche Gesù era un «grande pranoterapeuta» (è falso! Gesù è il Figlio di Dio, non un pranoterapeuta!) e che le sue parole «questi saranno i segni che accompagneranno quelli che credono: nel mio nome scacceranno i demoni […] imporranno le mani ai malati e questi guariranno» (Mc 16,17-18), sono proprio un invito a scoprire questo dono naturale presente in ogni uomo e a diventare così guaritori. Ma Gesù ha parlato di «fede» in Lui non di «fluido».

Questo esclude anche che si tratti di un «dono naturale», ma che si tratta invece di un «carisma» (dono) che Dio concede solo ai cristiani che credono in Gesù, lo seguono come il loro Dio e unico Salvatore, e si servono di tale carisma per diffondere il Vangelo e la sua Chiesa e non per fare soldi, come fanno i guaritori e i pranoterapeuti (anche se spesso mascherano la cosa chiedendo solo «offerte»!). Questo è quanto le Sacre Scritture e la Santa Chiesa ci insegnano. Tale concetto è in netta contrapposizione con la pranoterapia e con i cosiddetti «doni di guarigione», visti come «doni naturali». Infatti, se fossero doni naturali escluderebbero la necessità della preghiera. Dio Onnipotente, il Creatore di ogni cosa, non ha bisogno del «fluido» o del «calore» dei guaritori per poter sanare. Chiede solo la fede, la preghiera, la pratica assidua della Confessione e della Santa Comunione.

I sedicenti «figli spirituali» di Padre Pio

padre pioSono molti i guaritori che collegano i loro doni ai Santi, agli «angeli» (che non sono angeli, ma sempre «spiriti guida», cioè demoni), alla Madonna e quasi tutti si autoproclamano «figli spirituali di Padre Pio». Ricevono in studi privati, arredati con statue e immagini sacre. Molti di loro sostengono di avere l’anima di un defunto o di un santo (in genere Padre Pio) che li guida. Organizzano perfino preghiere e pellegrinaggi, ma dimenticano di informare i loro clienti che Padre Pio (1887-1968) li ha combattuti per tutta la vita e ha strappato dai loro artigli tantissime anime che ingenuamente erano cadute sotto i loro poteri. I guaritori agiscono convinti di possedere un «fluido» o «magnetismo» in grado di guarire qualsiasi malattia. In realtà, né il «fluido», né il «magnetismo» sono doni di Dio, ma sono strettamente legati all’occultismo, e chiunque vi si sottopone, sia nel giro di poco tempo che in tempi più lunghi, ne riporterà sicuramente conseguenze molto spiacevoli. La maggior parte dei guaritori usa pratiche come la pranoterapia, la riflessologia, l’ipnosi, l’ESP (percezione extrasensoriale), l’agopuntura, lo yoga e il reiki 31, le tecniche orientali di meditazione (il bio-feed back, il training autogeno, lo zen, l’aikido, il tai-chi-chuan, lo shiatzu, i corsi di «Dinamica mentale di base», l’omeopatia, ecc… Pure un documento dell’Ufficio Nazionale dei Vescovi Italiani (CEI) per la pastorale della sanità del 20 ottobre 2000, mette in guardia dai rischi per la salute, ma anche per il coinvolgimento di queste terapie alternative con filosofie orientali «non compatibili con la fede cattolica e qualche volta perfino accompagnate da pratiche occultistiche».

Il documento, parlando di medicina non convenzionale si riferisce a «tutte quelle prassi mediche non fondate su riscontri di anatomia, fisiologia, patologia e terapia: erboristeria, agopuntura, omeopatia, pranoterapia, rifiessologia, iridologia, reiki e shiatzu, che possono rappresentare un rischio per i pazienti che abbandonano le terapie tradizionali, ma di comprovata efficacia».

Se hai praticato o se stai praticando anche solo una di queste tecniche sopra elencate ecco forse spiegata l’origine di tutti i tuoi problemi. Da questo grave pericolo non sono affatto esclusi i cosiddetti autodidatti, cioè tutte quelle persone che consultano libri o riviste specializzate di magia, in cerca di fortuna, successo e amore, e quelli che telefonano ai maghi o credono nell’Oroscopo lasciandosene quasi condizionare. Per uscirne è necessario che tu ritorni seriamente a Dio, chiedendo aiuti a persone come santi sacerdoti o esperti esorcisti. E solo con la sincera rinuncia a queste tecniche e il totale ritorno a Gesù Cristo, nostro Dio e unico Salvatore, potrai essere definitivamente libero 32.

VI

LA RIFLESSOLOGIA

Cosè la riflessologia?

La riflessologia consiste nell’esercitare una pressione manuale sulla pianta dei piedi per curare o prevenire le malattie. I massaggi manuali dei piedi sono in genere percepiti come rilassanti e quindi non sorprende che fossero diffusi in varie culture antiche. La riflessologia, però, è diversa perché si basa sui presupposti di William H. Fitzgerald (1872-1942) che, agli inizi del XX secolo ipotizzò che il corpo umano fosse diviso in dieci zone verticali, ognuno rappresentato da una parte del piede. Fitgerald e i suoi tracciarono mappe delle piante dei piedi che mostravano le aree corrispondenti ai vari organi interni.

I riflessologi esplorano manualmente il piede; se avvertono una resistenza in una zona, è probabile che diagnostichino un problema all’organo corrispondente. La terapia poi consiste nel massaggiare questo punto, esercitando una forte pressione. Si ritiene che ciò ripristini la funzionalità dell’organo interessato e alla fine migliori la salute del paziente o prevenga le malattie. Una seduta può durare circa mezz’ora e una serie di trattamenti normalmente consiste di dieci o più sedute. Il ritmo del trattamento va adattato al singolo paziente, a seconda della severità dei disturbi, della loro durata, dell’abilità del riflessoterapista e del… denaro disponibile.

All’inizio del Novecento, il Dr. Fitzgerald ipotizza (!) che esistano dieci ione longitudinali (tante quanto il numero delle dita dei piedi) detti «meridiani energetici», che percorrono come fili tutto il corpo, dalla testa ai piedi. Le parti incluse in ognuna di queste zone sarebbero (!) collegate tra loro da un’energia che le percorre lungo i meridiani. Questo flusso sarebbe la base dell’influenza reciproca degli organi appartenenti ad una determinata zona. La riflessologia, pertanto, è basata sullo sfruttamento di una (ipotetica) mappa dettagliata delle zone riflesse localizzabili sui piedi. Oltre alla riflessologia plantare, viene praticata una riflessologia palmare, che utilizza, con gli stessi principî e criteri, le mani invece che i piedi. Alcune di queste mappe differiscono alquanto l’una dall’altra e risultano tra loro incompatibili.

Quali prove ci sono?

I presunti collegamenti fra una determinata zona del piede e un organo interno non esistono, e l’idea che la resistenza in un punto del piede sia un indicatore affidabile di un problema relativo ad un determinato organo è del tutto infondata. Quindi questa tecnica non è biologicamente accettabile. Inoltre, esistono parecchie versioni diverse delle mappe di riflessologia. I riflessologi non sono neppure d’accordo fra loro su come praticare il trattamento. In varie pubblicazioni sull’argomento si segnala un possibile peggioramento iniziale dei disturbi dopo il trattamento, peggioramento che alcuni riflessologi spiegano con la liberazione di tossine (mai dimostrate) e con l’assunzione di un atteggiamento filosofico (!) nuovo (come dimostrarlo?) che il paziente assumerebbe nel confrontarsi con il proprio corpo e con i propri disturbi. Trial clinici 33 hanno dimostrato che la riflessologia non ha valore diagnostico.

La sua efficacia nel curare alcuni problemi di salute è stata ripetutamene testata e, benché i risultati non siano stati uniformi, non la dimostrano in modo convincente. Non esiste inoltre alcuna prova che regolari sedute possano prevenire le malattie. Persone affette da patologie delle ossa, oppure delle giunture del piede o della gamba possono venire danneggiate dalla pressione, spesso energica, applicata durante il trattamento.

william h. fitzgerald riflessologia - mappa del piede riflessologia - massaggio plantare
William H. Fitzgerald Mappa del piede Massaggio plantare

Prove di efficacia

Nessuno ha mai dimostrato i «meridiani energetici», né un «fluido energetico» che vi circoli. Qui siamo, ancora una volta, nel campo dell’esoterismo e dell’occultismo e non nel campo scientifico. Inoltre, nei centri di riflessologia sono sempre più numerose le persone che praticano molte altre medicine alternative. Non è infrequente, insomma, la figura del riflessoterapista che si dichiara esperto anche in medicina ayurvedica, di shiatsu o di agopuntura. L’idea che la riflessologia possa essere utilizzata per diagnosticare problemi di salute è stata smentita e non esistono prove convincenti che sia efficace nei confronti di una qualsiasi patologia.

è costosa e non offre nulla di più di quanto si possa ottenere con un semplice massaggio rilassante ai piedi. I piedi sono una struttura delicata, preziosa, fondamentale per una buona qualità di vita e purtroppo sottoposti ad inevitabile sovraccarico quotidiano. Proprio per questo meritano di venir trattati con cura, a cominciare dalla scelta delle scarpe e da un buon bagno caldo rilassante con lieve massaggio, prima del riposo notturno. Lo consigliava anche la nonna, digiuna della complessità dei rapporti psicosomatici e delle proiezioni plantari, ma ricca di buon senso 34.

VII

LO SHIATSU

Lo shiatsu è una terapia sviluppata in Giappone, basata su un massaggio energico e consistente nell’esercitare pressione sui punti dell’agopuntura, normalmente con i pollici.

Premessa

Lo shiatsu può essere considerato la sintesi giapponese di agopuntura e massaggio. Alla lettera significa «dito» (shi) e «pressione» (atsu). Il terapeuta usa il pollice per esercitare una forte pressione sui punti di agopuntura; a volte può usare anche il palmo della mano o il gomito. Per il paziente il trattamento può essere doloroso. Un operatore shiatsu comincerà con il procedere a una diagnosi dell’equilibrio delle due forze vitali, yin e yang; quindi, in parte lo shiatsu è simile alla medicina tradizionale cinese.

A seconda di quanto scopre, eserciterà poi una pressione sui punti posti lungo i meridiani yin o yang: se al paziente è stato diagnosticato un eccesso di una di queste forze, il terapeuta tenderà a stimolare l’altra. Ristabilendo l’equilibrio, questi terapeuti ritengono di poter curare molte patologie. Poiché yin e yang, punti e meridiani dell’agopuntura non sono un dato reale né scientifico, ma semplicemente il prodotto di una antica filosofia cinese, lo shiatsu è un intervento medico non accettabile. Comunque, come tutte le tecniche di massaggio, può provocare rilassamento e creare un senso di benessere.

massaggio shiatsu

Quali prove ci sono?

In pratica, non esistono trial clinici sullo shiatsu, ma non ci sono motivi per pensare che sia più efficace di un qualunque massaggio convenzionale. A causa delle forti pressioni, esercitate durante il trattamento, possono verificarsi lesioni che vanno da ecchimosi a fratture ossee, nel caso di anziani con osteoporosi avanzata. Vengono anche riferiti embolie retiniche e dell’arteria cerebrale, legate al massaggio esercitato sul collo o sul capo. Lo shiatsu si basa sulla teoria biologicamente inverosimile di yin e yang. Non esistono prove della sua efficacia per una qualsiasi patologia specifica; sembra quindi uno spreco di fatica e di denaro che non offre nulla più del massaggio convenzionale 35.

VIII

LA CRISTALLOTERAPIA

La cristalloterapia consiste nell’uso di cristalli, come il quarzo o altri minerali, allo scopo di «curare l’energia».

Premessa

I cristalloterapeuti sostengono che i cristalli sono in grado di muovere, assorbire, concentrare e diffondere «energia» o «vibrazioni» curative nell’organismo del paziente; tutto questo, a sua volta, aumenterebbe le capacità auto-curative del paziente. Teoricamente, secondo costoro, la malattia si presenta quando l’individuo non è ben allineato con l’«energia divina» che costituisce «il fondamento di tutto il creato». Queste idee non hanno nulla di scientifico, ma hanno a che fare con la mitologia e la filosofia orientale. Questi concetti, infatti, non si conciliano con le moderne conoscenze di fisica, di fisiologia o di qualsiasi altro campo della scienza: la cristalloterapia manca, quindi, di basi scientifiche.

Una classica seduta curativa prevede che il paziente, completamente vestito, sia fatto distendere; il terapeuta allora individua intuitivamente (!) le zone problematiche come blocchi del flusso energetico (!) e vi colloca sopra cristalli per ripristinare quel flusso o ristabilire l’equilibrio. Una seduta tipo dura da trenta a sessanta minuti. A volte, i terapeuti usano bacchette di cristallo come parte della terapia dell’aura (che la scienza – purtroppo per loro – ha dimostrato inesistente!) per purificare (!) quella del paziente. Quelli che credono nella cristalloterapia spesso acquisteranno dei cristalli portandolo addosso per curare disturbi minori. Benché le pietre curative possano essere abbastanza a buon mercato, i gioielli in cui sono montate a volte possono costare parecchie centinaia di euro.

cristalloterapia

Quali prove ci sono?

Non esistono prove che la cristalloterapia – né portare o indossare cristalli – sia efficace per alcun disturbo. Gli effetti positivi sperimentati da alcuni pazienti sono quasi certamente dovuti alla suggestione, al rilassamento, o ad entrambi. In sé, la cristalloterapia non presenta alcun rischio diretto, ma usata come alternativa a cure salvavita costituirebbe una seria minaccia per la sopravvivenza. La cristalloterapia si basa su concetti mistici e irrazionali: non esistono prove della sua efficacia in alcuna patologia clinica 36.

IX

LIRIDOLOGIA

L’iridologia è una tecnica che afferma di poter rilevare alcuni problemi di salute di cui una persona può essere affetta, attraverso l’osservazione dell’iride dell’uomo. Quindi, guardando nell’iride, gli iridologi affermano che alcuni segni e caratteristiche dell’iride permettono di capire quale parte dell’organo umano sta vivendo uno stato precario di salute, oppure di individuare eventuali traumi che la persona ha vissuto negli anni precedenti.

Quali prove ci sono?

Scorrendo i testi di alcuni iridologi, si nota che si fà volentieri ricorso al tema della reincarnazione. Si dice e si sostiene che l’uomo abbia a disposizione molte vite terrene. E questo concetto non ha nulla a che fare con la scienza e è del tutto opposto alla religione cristiana 37. Alcuni iridologi, inoltre, accostano la pratica dell’iridologia all’Astrologia! Cioè invitano sostanzialmente a fare ricorso agli astrologi per poter meglio individuare il sintomo e anche la causa di determinati problemi di salute. Ci si domanda cosa hanno a che fare gli astrologi e l’Astrologia con la scienza medica…

Il Prof. Giorgio Dobrilla, nel suo ottimo libro Le Alternative: guida critica alla cure non convenzionali, riporta a pag. 228 una sua personale esperienza circa l’iridologia, dal titolo: «Con i miei occhi»! Eccola: «Chi scrive non può esimersi dal raccontare di una diagnosi iridologica che lo riguarda personalmente. Sottopostomi a visita oculistica per scegliere un paio di occhiali adatto (correzione di lieve miopia), lo specialista si offriva di sottopormi in amicizia a esame dell’iride. A ciò il collega credeva ciecamente, in buona fede, e ogni proposito di facile guadagno poteva essere nel mio caso escluso. In quel periodo soffrivo di una serie di molesti anche se poco rilevanti disturbi gastrointestinali, ma avevo anche importanti disturbi osteoarticolari che limitavano significativamente la mia amata attività sportiva. Accettavo l’invito solo per non sembrare scortese e spocchioso, un po’ anche per curiosità e spinto forse dal fatto che il presente libro era “in pectore” da tempo e mi sarei così procurato una piccola testimonianza da raccontare. Ebbene, la diagnosi postami in modo secco si può ricavare dall’affettuosa raccomandazione datami alla fine: “Tutto bene in generale, professore, ma si faccia dare senz’altro un’occhiata alla prostata, perché c’è qualcosa che non va: Per il resto, tutto ok”. Inutile sottolineare che non soffrivo di nessun disturbo urinario e che la visita urologia, ecografia prostatica e PSA risultavano completamente negativi, e tali sono ancora tutt’oggi. Naturalmente, per non peccare d’incoerenza, ribadisco che a racconti come questi, va dato il valore modestissimo che hanno, quale che sia il messaggio positivo o negativo che ne deriva. In ogni caso, il pericolo di diagnosi falsamente positive (viene diagnosticata una malattia che non c’è) e falsamente negative (non si accerta di una malattia che c’è) in chi si sottopone all’iridologia deve ritenersi molto forte, con le conseguenze psichiche, fisiche ed economiche che tutti possono immaginare».

mappa dell'iride - iridologia giorgio dobrilla giorgio dobrilla - le alternative: guida critica alla cure non convenzionali
Mappa dell’iride Giorgio Dobrilla Le Alternative

Conclusione

Il fondamento scientifico dell’iridologia è del tutto inesistente e i pochi tentativi di valutarne la portata in modo oggettivo sono miseramente falliti. I più irriducibili iridologi potrebbero sostenere che l’iridologia consente la diagnosi anticipata di una malattia che affiorerà solo successivamente. Chissà se lo scrittore francese Jules Romains (1885-1972) pensava a questa predittività dell’iridologia quando scrisse, in una celebre commedia, che «i sani sono malati che non sanno di esserlo»! 38.

X

LA FITOTERAPIA

Cosè la fitoterapia

La fitoterapia è quella pratica terapeutica, comune a tutte le culture e a tutte le popolazioni fin dalla preistoria, che prevede l’utilizzo di piante o estratti di piante per la cura delle malattie o per il mantenimento del benessere. Il termine viene dal greco phyton («pianta») e terapeia («cura»).

Doverose distinzioni

fitoterapiaLa fitoterapia è stata praticata ed è praticata anche da molti conventi e monasteri. Ma è una prospettiva radicalmente diversa, perché i monaci raccoglievano e raccolgono anche oggi erbe medicinali, ma partendo da un approccio di tipo scientifico. Cioè si dice: in quei fiori e in quelle piante ci sono prodotti naturali che recano effetti positivi sull’organismo. Nel caso della fitoterapia, come medicina alternativa, ci si muove in una dimensione del tutto diversa, perché in pratica si ha e si vuole applicare una visione spirituale di tipo esoterica o occulta (qui i confini sono molto labili), perché le piante, alla fine, producono un effetto… sull’anima dell’uomo! Noi dobbiamo anche distinguere il fatto che possono esserci delle malattie di tipo psicosomatico, per cui determinate forme di stress, ad esempio, possono ripercuotersi negativamente su alcuni organi del corpo umano. Qui, però, si vuole invece partire dalla convinzione che nell’uomo c’è questa «scintilla divina», che l’uomo sostanzialmente possa auto-guarirsi. L’uomo, in pratica, ha questi poteri e, grazie all’assunzione di determinati petali di determinati fiori, li svilupperà poi ancora di più. Questa è un po’ la visione che ci sta sotto ed è l’esatto contrario dell’atteggiamento di chi utilizza i fiori come rimedio naturale, perché determinate sostanze (come è stato dimostrato) hanno effetti positivi sulla salute umana. In una trasmissione radiofonica sul tema, un’ascoltatrice ha posto un’interessante domanda: «Perché certi medici omeopati, che curano con le erbe, usano poi dei mezzi così strani? Io sono andata da un omeopata per disturbi di artrosi. Cos’ha fatto dopo avermi ascoltata? Ha tirato un libretto da un cassetto, ha preso un pendolo e lo ha fatto girare… Io l’ho solo guardato negli occhi ed egli lo ha messo via subito. E questa cosa non mi sembra molto seria, pur essendo costui un medico laureato». Che dire? Noi abbiamo a disposizione quello che il Signore ci dà: la medicina (che è un grande dono di Dio) e la fede.

Abbiamo i Santuari dove andare per chiedere aiuto per quei mali che la scienza umana non riesce a curare. In verità, anche un autore che diffonde i «fiori di Bach», tra i metodi che propone per scegliere il flacone giusto, c’è quello del pendolo, che è una pratica magica, che sfrutta non meglio precisate «energie». Ma questa è scienza o non è piuttosto esoterismo e occultismo? Che la psiche abbia influsso anche sul corpo, questo non si è mai negato. Dire però che tutte le malattie fisiche hanno semplicemente come causa un problema di tipo spirituale o esclusivamente spirituale, come viene detto in pratica nei «fiori di Bach» o nei «fiori australiani» e dire che questi estratti di fiori possano risolvere problemi spirituali, questo non è condivisibile. Certamente la natura offre cose buone e positive, già sfruttate dalla medicina tradizionale, la quale però giustamente rifiuta tutta la lettura esoterica di tipo magico che se ne fà nella medicina alternativa.

XI

RIFLESSIONI FINALI

Oggi siamo immersi in tanti concetti orientali: coscienza, reincarnazione, energia, vibrazioni, aura, fluido, meridiani energetici… Tutti questi termini sono diventati dei veri e proprî luoghi comuni del linguaggio occidentale. Stanno anche modificando il nostro modo di pensare. Qualiadamo, eva e satana sarebbero sul mondo le conseguenze di tutto ciò? Ecco le parole di un esperto: «Tutto cambierà. Non solo la nostra religiosità, ma anche il nostro concetto di uomo, la nostra democrazia, le nostre tradizioni umanitarie, il nostro sistema sociale: tutto ciò non avrà più senso, perché si basa su presupposti cristiani. Avremo una specie di religiosità centrata sulluomo, individualista ed egocentrica, dove “salvezza” significa “fuggire il mondo”, significa fuggire tutto ciò che ci unisce agli esseri umani, fuggire tutto ciò che ci fà avere cura e amore per i nostri simili». Come si vede una prospettiva agghiacciante! 39. Quello che si evince da tutto questo è un attacco mortale al cristianesimo e una concezione dell’uomo antibiblica, perché non presenta più l’uomo come un essere composto di anima e corpo. Al posto dell’anima si parla di «energia», ed insieme al corpo fisico dell’uomo si parla di «corpo eterico», oppure di reincarnazione. Ci si domanda, a questo punto, cosa significhi questo da un punto di vista medico!… Oltre a ciò, vediamo un totale svuotamento dell’uomo: l’uomo viene svuotato dell’immagine di Dio e viene portato alla prima tentazione di diventare come Dio, fatta dal Serpente ad Adamo ed Eva nel paradiso terrestre (Gn 3,4). Sembra quasi di parlare di satanismo. Forse è un’espressione forte, ma Gesù ha detto una cosa molto chiara: «Chi non è con me, è contro di me» (Lc 11, 23). Soprattutto in questo nostro tempo dobbiamo ricordare che Gesù disse: «Guardate che nessuno vi inganni, perché molti verranno in mio nome dicendo: “Io sono Cristo” […], e allora se qualcuno vi dirà: “Ecco il Cristo è qui”, o: “È là”; non ci credete. Sorgeranno infatti falsi Cristi e falsi profeti e faranno grandi portenti e prodigi, così da indurre in errore, se fosse possibile, anche gli eletti. Ecco io ve l’ho predetto» (Mt 24, 4-5; 23-25). Attualissime sono anche le parole di San Paolo: «Verrà il tempo in cui gli uomini non sopporteranno più la sana dottrina, rifiutando di dare ascolto alla verità per volgersi alle favole» (2 Tm 4, 3-4). E dice ancora: «Lo Spirito Santo dichiara apertamente che negli ultimi tempi alcuni si allontaneranno dalla fede, dando retta a spiriti menzogneri e agli insegnamenti dei demoni» (1 Tm 4, 1).

Oggi più che mai, alla vigilia dello scontro decisivo tra la Donna vestita di Sole e il Drago, tra la Vergine Maria e Satana, il cristiano deve sempre tener presente nel proprio cuore le divine parole del Figlio di Dio: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno va al Padre se non per mezzo di me» (Gv 14, 6). Con tali parole, da duemila anni, Gesù continua a far sentire agli uomini di tutti i tempi il suo messaggio di salvezza 40.

APPENDICE

La New Age

C’è un «Movimento che non ha nome», una religione senza Dio, che ritiene di potersi sostituire al cristianesimo ed è la Nuova Era. La New Age nega la differenza tra Dio e l’uomo e afferma che l’Universo (e quindi anche l’uomo) è Dio: non c’è peccato e, quindi, non c’è necessità di salvezza da parte di Dio: ammette la reincarnazione; nega che Gesù è Dio (distruggendo, così, tutto il cristianesimo!); afferma l’esistenza di «insegnamenti segreti» di Gesù che la Chiesa avrebbe tenuti nascosti; crede ciecamente nell’Astrologia, pratica lo spiritismo attraverso i medium, ecc… Stiamo vivendo un tempo in cui l’uomo arriva a sentirsi parte della cosiddetta «energia cosmica», energia che egli crede di poter dominare a suo piacimento con i «poteri» della magia e parlando con «le entità dell’Universo». Il movimento New Age è seguito in tutto il mondo da milioni di persone e, secondo le «guide» di questo movimento, è contrassegnato dal passaggio del Sole dalla costellazione dei Pesci a quella dell’Acquario. Queste «guide» sostengono che stiamo per entrare in un’«Età Nuova» che sarà costituita da un grande «rovesciamento» in tutti i campi: politico, economico, culturale, sociale, artistico, filosofico e religioso. Lo scopo principale del movimento New Age (sviluppatosi negli USA negli anni ’70) è quello di rovesciare la tradizione culturale occidentale e cristiana. Il rischio è quello di sprofondare sempre più in un sincretismo (miscuglio) culturale-religioso dove ormai dominano l’esoterismo, la magia, lo spiritismo, la medicina alternativa, tra cui le tecniche orientali di guarigione e rilassamento (reiki, agopuntura, shatzu, ecc…) oltre alla pranoterapia, la riflessologia, l’iridologia e altre tecniche che affondano profondamente le loro radici nel mondo del magico e dell’occulto. Dietro questo fenomeno si nasconde il Maligno che, giocando sulle debolezze dell’uomo, riesce ad intrappolarlo in un labirinto di fantasie e falsità oltre ciò che è il visibile e lo sperimentabile del mondo fisico; da questo labirinto, senza l’aiuto di Gesù Cristo, l’uomo che vi è stato intrappolato non riesce più ad uscire. I dati sono impressionanti: in Italia, il numero dei maghi supera di gran lunga quello dei sacerdoti. I loro clienti sorpassano di molto il numero dei cristiani praticanti e, purtroppo, gran parte di questi ultimi li contattano sovente. Un numero sempre più crescente di manager, di politici, di musicisti, di artisti e di sportivi li consulta prima di ogni decisione.

Le persone che praticano la pranoterapia, l’agopuntura, l’iridologia, il pendolino e che ricevono messaggi da anime di defunti sono sempre più numerose. Siamo davanti ad un vero e proprio insulto nei confronti del Signore, oltre che all’inosservanza della sua Parola. Il 50% dei giochi e dei libri per bambini è contaminato. Le ditte alimentari che confezionano patatine o merendine destinate ai bambini contengono spesso regali,zodiaco - astrologia completi di istruzione, per iniziare i bambini all’occultismo (amuleti, pendolini, fantasmi di plastica, ecc…). I giochi sono saturi di divinazione, occultismo, alchimia. Attraverso questi mezzi, apparentemente divertenti, molti vengono indirizzati sempre più velocemente verso il mondo tenebroso dell’occulto. L’Astrologia è una vera e propria superstizione secondo la quale la vita e il destino dell’uomo sono influenzati dalla natura degli astri e dalla loro posizione. Secondo gli astrologi, la vita, la morte, il lavoro, il matrimonio, ecc…, dipenderebbero dagli astri e non da Dio. Credere a ciò è un gravissimo peccato contro il primo Comandamento. La maggior parte di coloro che si chiamano cristiani però, pur affermando di conoscere e seguire Gesù, consulta regolarmente l’Oroscopo. Questi cristiani portano al collo, insieme alla croce, medagliette raffiguranti il loro segno zodiacale. Per non parlare poi degli oggetti personalizzati che tengono con sé, per avere fortuna e allontanare le negatività. Essi acquistano regolarmente riviste specializzate per imparare a conoscere le stelle, il proprio ascendente, ecc…, arrivando, senza rendersene conto, a praticare un vero e proprio culto delle stelle, peccando così in modo grave. Essi quando sono a contatto con altre persone difficilmente parlano di Cristo, ma un buon 80% quando conosce una persona nuova, quasi per consuetudine pone la classica domanda: «Lei di che segno è»? Non iniziano la giornata senza leggere l’Oroscopo del giorno e gli influssi degli astri. Ma per il Signore – che è il Creatore al quale appartiene il passato, il presente e il futuro – non hanno tempo. Chi confida nell’Astrologia è più sicuro dell’Oroscopo che della Parola di Dio. Non ha fiducia nella Provvidenza e quando le cose non vanno come vorrebbe è anche capace di chiedere aiuto al sacerdote, lamentandosi di Dio dal quale si sente abbandonato e non ascoltato.

Se anche solo un poco ti identifichi in queste persone, ecco spiegato il motivo perché non riesci a raggiungere la pace. Abbandona queste cose e cammina con Gesù sulla via che conduce alla libertà e chiedigli di non essere più ingannato dalle superstizioni. Anche l’Astrologia è un surrogato della vera fede e della vera religione. Pur di non ammettere il soprannaturale, cioè Dio, unico protagonista insieme alla nostra volontà del nostro futuro, si delega all’Oroscopo la nostra fede e la nostra speranza. Il crollo di molti valori morali e spirituali induce a cercare il proprio «destino» nelle figure stellari. Il destino dell’uomo è invece nelle mani di Dio e nelle scelte dell’uomo stesso!

Quanta sapienza e intelligenza è racchiusa in queste antiche parole: «Il Signore da principio creò l’uomo e lo lasciò in balia del suo proprio volere. Perciò se tu vuoi osserverai i Comandamenti e dipende dalla tua volontà rimanere ad essi fedele. Il Signore ti ha posto davanti il bene e il male; là dove vuoi stenderai la tua mano. Davanti agli uomini c’è la vita e la morte, ognuno avrà quello che sceglie» (Sir 15, 14-17). La «buona» o «cattiva» stella perciò è molto vicina; è dentro di noi. Non deleghiamo le stelle, che sono molte lontane, a dirci che cosa dobbiamo fare. Perché, in tal caso, le stelle stanno a… guardare. Comunque, è già venuta una «Stella» dal Cielo a dirci quello che dobbiamo fare e «tornerà sulle nubi del cielo» alla fine dei tempi per vedere che cosa abbiamo fatto. Si tratta di seguirla come fecero i Magi. Questa Stella si chiama Gesù Cristo.

Il panteismo

Se tutto è Dio, niente è Dio

Tra le cause che hanno portato la società occidentale all’attuale crisi di valori sono da includere il panteismo e l’ateismo. Ateismo e panteismo sono strettamente collegati. E chiaro che se il mondo materiale, incluso l’uomo, è Dio (ecco il panteismo), Dio non esiste (ed ecco l’ateismo). Parecchie sètte religiose oggi emergenti sono di tendenza panteistica. Secondo il panteismo, l’Universo è Dio e io ne sono parte. Panteismo deriva dal greco pan che significa «tutto», e thèos, che vuol dire «Dio»: tutto è Dio. Per vincere la sofferenza bisogna prendere coscienza del proprio valore divino 41.

Tutto è bene; il peccato non esiste. Nel panteismo, l’uomo diventa adoratore della natura e di sé stesso; ciò è l’essenza dell’idolatria, di ogni paganesimo antico o recente. Inoltre, il panteismo è l’essenza di ogni peccato: stabilire da me stesso ciò che è bene e ciò che è male, senza scrupoli di sorta. La Bibbia lo simboleggia nella sua prima pagina, nel frutto della cono-scenza del bene e del male, che è decidere da me stesso ciò che per me è bene e ciò che per me è male. È molto significativo notare che è proprio il Maligno, sotto forma di Serpente, che suggerisce ciò ai primi uomini dicendo loro: «Si aprirebbero i vostri occhi e diventereste come Dio, conoscendo il bene e il male» (Gn 3,5). Con le conseguenze che tutti conosciamo…

Le contraddizioni del panteismo

Abbiamo già visto come la retta ragione dimostri la falsità del panteismo, ma esso presenta anche delle grandi contraddizioni e delle tali assurdità da renderlo addirittura assurdo e ripugnante.

Il più che deriva dal meno. Prima di dare origine alla vita e all’intelligenza, Dio era – secondo i panteisti – materia pura 42. Da sempre, per infiniti miliardi di epoche esso sarebbe stato così. Ci si domanda come si fà a considerare Dio un qualcosa che non è neanche persona e che non ha coscienza di sé, né capacità di riflessione! Ebbene, la credenza panteistica implica l’assurdo che questa materia abbia cominciato, senza nessuna causa e nessuno scopo, il processo della propria evoluzione; che si sia comportata da intelligente senza esserlo; che abbia realizzato leggi naturali orientate alla costruzione degli organismi viventi – che ci lasciano sbalorditi per la loro complessità e perfezione! – quando non aveva la minima possibilità di farlo. La materia si sarebbe data un’immensa ricchezza che non aveva e che non ha ricevuto da altri. Non c’è chi non vede l’assurdo di tutto ciò.

Intelligenze diverse ed opposte. L’Universo non è un essere unico, ma è composto da miliardi di esseri diversi e, tra quelli dotati di intelligenza, alcuni sono onesti e altri disonesti, alcuni sono buoni verso il prossimo e altri invece sono malvagi; alcuni sono ignoranti, altri sono sapienti; alcuni sono molto saggi, altri molto sciocchi. Tutte queste intelligenze umane, perciò, non possono essere l’unica intelligenza che governa il mondo – come invece sostiene il panteismo – e che sarebbero addirittura l’intelligenza di Dio! Inoltre, per il panteismo, il male sarebbe parte di Dio come il bene; in altre parole: siccome per il panteismo tutto è Dio – anche l’umanità – ne consegue che i criminali, i mafiosi, le prostitute, gli spacciatori di droga e simili sarebbero divini come i buoni, le persone oneste e i santi… È il colmo della follia e dell’accecamento umano!

E quando la natura – che è pure essa Dio secondo il panteismo – provoca catastrofi con migliaia di morti, orfani e senza tetto, cosa dovremmo concludere su questo «dio» panteistico? Nel panteismo vige l’auto-adorazione e l’auto-redenzione. In esso, l’uomo non è guidato da un Essere Supremo verso una felicità eterna, ma ciascuno sceglie la sua mèta suprema. Non c’è peccato, quindi non c’è necessità di salvezza da parte di Dio. E c’è motivo preciso per cui l’uomo moderno accetta volentieri il panteismo: luomo moderno vuole essere libero. Ora, un Dio creatore rischia di limitare o di abolire la libertà delluomo… Una scelta di comodo, dunque! 43. E, purtroppo, quello che fà comodo si crede volentieri…

 

gesù cristo
Solo Gesù Cristo può liberarci

dalle catene del male e del peccato.

Note

1 Titolo originale dell’opera: La medicna alternativa: l’omeopatia, l’agopuntura, i fiori di Bach, la pranoterapia, la riflessologi, lo shiatsu, la cristallo terapia, l’iridologia, la fitoterapia. Questa ed altre opere molto interessanti possono essere richieste direttamente all’Autore al seguente indirizzo: Don Pasqualino Fusco, Villaggio Fanfani nº 3, 81035 Roccamonfina (Caserta). Tel. 0823-921278.

2 Cfr. Conferenza Episcopale Italiana, Le Istituzioni Sanitarie Cattoliche in Italia, 7 luglio 2000, pag. 10.

3 Così il coraggioso Dr. Tarcisio Mezzetti nel suo ottimo libro Come leone ruggente, LDC, Torino, pagg. 279-280.

4 Nel 1779, ossia prima di dare inizio ai suoi studi sull’omeopatia, Hahnemann entrò in Massoneria (cfr. T. M. Cook, Samuel Hahnemann: The Founder Of Homeopathic Medicine, Wellingborough, 1981; N.d.R.).

5 Cfr. T. Mezzetti, op. cit., pag. 297.

6 Ibid., pag. 298.

7 Cfr. C. Schnorrenberger, Chen-Chiu, Das Neue Heilprinzip («Il nuovo principio di salvezza»), Friburgo, 1975, pag. 54.

8 Ibid., pag. 99.

9 Cfr. G. Ohsawa, The Book of Judgement («Il libro del giudizio»), Los Angeles, pag. 14.

10 Noi invece sappiamo, come ci dice la Sacra Scrittura, che è composto di anima e corpo, non di «energia».

11 Cfr. A. Monti, Lezioni di Agopuntura, Bologna, pagg. 5-6.

12 Ibid., pag. 19.

13 Ibid.

14 Ibid., pag. 15.

15 Cfr. T. Mezzetti, op. cit., pag. 308.

16 Cfr. M. E. Campanini, Curatevi con i fiori di Bach, pag. 14.

17 Cfr. E. Bach, Guarisci te stesso, pag. 27.

18 Ibid., pag. 79.

19 Ibid., pagg. 73-75.

20 Ibid., pag. 79.

21 Cfr. M. Sheffer, Terapia con i fiori di Bach, pag. 21.

22 Ibid., pag. 21. Djwal Khul (detto anche «Il Tibetano»), è descritto nell’ambito dell’esoterismo e della Teosofia come un Iniziato che si è assunto il compito di rivelare verità esoteriche in forma chiara e adatta ai nostri tempi, per favorire l’evoluzione spirituale del nostro pianeta. Egli sarebbe l’ispiratore, a mezzo telepatia, dell’opera di Alice Bailey, che si articola attorno alla evoluzione delle tematiche ereditate dall’insegnamento teosofico di Madame Blavatsky, espresse nell’opera La Dottrina Segreta e altre. Nell’ambito dei seguaci di tali insegnamenti spirituali, Djwal Khul è ritenuto essere un Maestro di Saggezza (o Sapienza, dall’inglese Master of Wisdom) vivente nel Tibet, nella tradizione della antica spiritualità esoterica. I testi lo descrivono come un membro della «Gerarchia Spirituale», o «Fratellanza» di Mahatma, definiti come le guide spirituali dell’umanità e insegnanti gli antichi principî cosmologici, metafisici ed esoterici, che sono all’origine di tutte le maggiori filosofie, mitologie e tradizioni spirituali del mondo (cfr. M. K. Neff, Brothers of Madame Blavatsky, Kessinger Publishing, 2003, pagg. 46–47).

23 Cfr. T. Mezzetti, Voi chi dite che io sia?, LDC, Torino, pag. 411.

24 Cfr. M. Sheffer, op. cit., pag. 26.

25 Cfr. T. Mezzetti, Voi chi dite che io sia?, pag. .414.

26 Ibid., pag. 416.

27 La kinesiologia applicata è una disciplina che valuta il tono e la forza di vari muscoli del corpo in relazione ai cosiddetti «meridiani» della medicina tradizionale cinese.

28 I rimedi omeopatici non fanno parte della farmacopea della medicina tradizionale cinese, ma sono correlati a quest’ultima attraverso i punti di Weihe, o punti omeosinatrici (il 90% di questi coincidono con i punti di agopuntura). I punti omeosinatrici corrispondono ognuno ad un rimedio o farmaco omeopatico.

29 Nella summenzionata scuola di Bologna.

30 Per approfondire tutti questi concetti e altre tematiche della medicina alternativa (di cui questo articolo è solo una riduzione molto semplificata di alcune parti, con delle aggiunte e/o osservazioni), si consiglia di leggere i seguenti volumi: T. Mezzetti, Come leone ruggente, LDC, Torino. T. Mezzetti, Voi, chi dite che io sia?, LDC, Torino.

31 Circa lo yoga e il reiki, vedi il mio opuscolo Attenti alloo yoga! Sulla pranoterapia vedi T. Mezzetti, Come leone ruggente.

32 Vedi M. Enrico, Creati per essere liberi, Editrice Insieme con Gesù, Alleluia, Arluno, pagg.45-46.

33 Il trial è lo studio clinico sperimentale progettato per valutare principalmente l’efficacia di un trattamento.

34 Cfr. G. Dobrilla, Le Alternative: guida critica alle cure non convenzionali, 2008, Avverbi, pagg. 274-279.

35 Cfr. S. Singh-E.Ernst, Aghi, pozioni e massaggi: la verità sulla medicina alternativa, Rizzoli, pag. 340.

36 Ibid., pag. 317.

37 Sulle assurdità e sulle contraddizioni della reincarnazione, vedi D. P. Fusco, La vera religione, pagg. 233-251.

38 Cfr. G. Dobrilla, op. cit., pag. 229.

39 Ottimo testo per approfondire l’argomento è quello del Prof. Corrado Gnerre Ciò che non si dice della religiosità orientale. Richiedere a Corrado Gnerre, via G. Gentile, 6 – 82100 Benevento; tel. 0824/315284.

40 Per un approfondimento e una lettura critica, sia da un punto di vista religioso che medico-scientifico, delle altre forme della medicina alternativa (chiropratica, cromoterapia, ayurveda, osteopatia, magnetoterapia, ecc…), si consigliano i seguenti testi: T. Mezzetti, Come leone ruggente, LDC, Torino; T. Mezzetti, Voi, chi dite che io sia?, LDC, Torino; T. Mezzetti, Non c’è altro nome sotto il cielo, LDC, Torino; G. Dobrilla, Le Alternative: guida critica alle cure non convenzionali, Ed. Avverbi, Roma; S. Singh-Edzard Ernst: Aghi, pozioni e massaggi: la verità sulla medicina alternativa, Rizzoli.

41 Stando così le cose, ci domandiamo cosa risponderebbe un cieco, un paralitico o un malato di AIDS a chi dicesse loro che per vincere la loro sofferenza devono prendere coscienza del proprio valore divino!…

42 Se la materia primigenia, di cui era composto l’Universo, ha cominciato ad esistere circa quindici miliardi di anni fa, dov’era prima questo «dio» panteistico? Nel nulla?

43 Cfr. D. P. Fusco, La vera religione, pagg. 104-107.

Precedente Papa San Leone Magno terminò il dibattito Successivo Qualche articolo dello spurio “catechismo” del 1992

Lascia un commento

*