La falsa devozione della Divina misericordia di “Suor” Faustina

La cosiddetta devozione della Divina misericordia di “Suor” Faustina è qualche cosa da evitare

(Cap. 41 del libro La verità su ciò che è realmente accaduto alla Chiesa Cattolica dopo il Vaticano II)

Redatto da

Fra. Michele Dimond, O.S.B.
Fra. Pietro Dimond, O.S.B.


“Suor” Faustina Kowalska e la “divina misericordia”

“Suor” Faustina Kowalska e l’immagine della sua cosiddetta devozione della Divina misericordia.

Nel corso degli anni si sono udite diverse opinioni circa la cosiddetta devozione della Divina misericordia; non si sapeva esattamente come valutarla. Il fatto è che negli anni 1950 la cosiddetta devozione della Divina misericordia venne soppressa ed il diario di “Suor” Faustina iniziò a fare parte dell’indice dei libri proibiti. Esso fu solamente riabilitato in giro per il mondo da Antipapa Giovanni Paolo II appresso il Vaticano II. Oltretutto, qualcosa che era di concernente era l’effettività per la quale esso appariva essere popolare fra i pretesi Cattolici Carismatici e per cui esso appariva essere utilizzato come sostituto del Santo Rosario. Qualche tempo or è uno degli autori del presente libro decise di sfogliare rapidamente il libro dalle oltre 600 pagine intitolato La Divina misericordia nel diario della mia anima [Divine mercy in my soul diary], ad opera di “Suor” Faustina Kowalska. Disotto seguono solamente alcune stranezze trovate in detta investigazione, sufficienti onde convincere che tale pretesa devozione è qualcosa da essere evitata.

La Divina misericordia nel diario della mia anima [Divine mercy in my soul diary], pagina 23: “… e l’Ostia uscì dal tabernacolo, giungendo a giacere sulle mie mani ed io, con gioia, la riposi nel tabernacolo. Ciò si ripeté una seconda volta ed io operai la medesima cosa. Ciononostante, il tutto accadde per una terza volta… ” [1]

La Divina misericordia nel diario della mia anima [Divine mercy in my soul diary], pagina 89: “Allorquando il prete mi si avvicinò nuovamente io innalzai l’Ostia talché egli la riponesse nel calice, poiché quando ebbi ricevuto Gesù per la prima volta io non potei parlare prima di consumare l’Ostia, non potendoGli dunque dire che l’altra ostia era caduta. Ma mentre reggevo l’Ostia nella mia mano io percepii una tale possanza di amore che per il resto della giornata io potei né mangiare né riprendere i miei sensi. Io udii queste parole provenire dall’Ostia: ‘Io desidero riposare nelle tue mani, non solamente nel tuo cuore.’.” [2]

La Divina misericordia nel diario della mia anima [Divine mercy in my soul diary], pagina 168: “Il momento che mi inginocchiai di modo da sbarrare il mio testamento, siccome il Signore mi aveva invitato a fare, io udii questa voce nella mia anima: ‘D’ora innanzi non temere il giudizio di Dio, poiché tu non verrai giudicata – 04/02/1935.’.” [3]

La Divina misericordia nel diario della mia anima [Divine mercy in my soul diary], pagina 176: “Gesù le disse: ‘Tu sei dell’uva dolce ed un fascio prescelto; Io desidero che gli altri abbiano una fetta del succo che scorre in te.’.” [4]

La Divina misericordia nel diario della mia anima [Divine mercy in my soul diary], pagina 191 (vedasi anche pagina 378): “Gesù le disse: ‘Per il tuo amore Io ritrarrò la mano che punisce; per il tuo amore io benedirò la Terra.’.” [5]

La Divina misericordia nel diario della mia anima [Divine mercy in my soul diary], pagina 247: “Gesù disse: ‘Sappi anche questo, figliola Mia: tutte le creature, che lo sappiano o no e che lo vogliano o no, adempiono sempre la Mia volontà… Figliola mia, se tu lo desiderassi Io creerei in questo istante un nuovo mondo, più bello di questo e tu vivrai lì per il resto della tua vita.’.”[6]

La Divina misericordia nel diario della mia anima [Divine mercy in my soul diary], pagina 260: “Gesù disse: ‘Poiché molte anime si volteranno dai cancelli dell’Inferno ed adoreranno la Mia misericordia.” [7]

La Divina misericordia nel diario della mia anima [Divine mercy in my soul diary], pagina 374: “Gesù disse: ‘Se essi non adorassero la Mia misericordia essi perirebbero per tutta l’eternità.’.” [8]

La Divina misericordia nel diario della mia anima [Divine mercy in my soul diary], pagina 382: “Gesù disse: ‘Io desidero che la Mia misericordia venga adorata.’.” [9]

La Divina misericordia nel diario della mia anima [Divine mercy in my soul diary], pagina 288: “Gesù disse: ‘È per ciò che Io mi unisco a te così intimamente siccome a nessun’altra creatura.’.” [10]

La Divina misericordia nel diario della mia anima [Divine mercy in my soul diary], pagina 400: “Gesù disse: ‘Io vedo il tuo amore così puro, più puro di quello degli angeli ed ancor di più perciocché tu continui a combattere. Per il tuo amore Io benedico il mondo.’.” [11]

La Divina misericordia nel diario della mia anima [Divine mercy in my soul diary], pagina 417: “Gesù ordinò a Suor Faustina: ‘Comunica al superiore generale di contare su di te come la figliola più fedele dell’ordine.’.” [12]

La Divina misericordia nel diario della mia anima [Divine mercy in my soul diary], pagina 583: “Suor Faustina disse: ‘Quando ricevetti il Messaggero del Sacro Cuore nella mia mano e lessi il conto della canonizzazione di Sant’Andrea Bobola la mia anima fu istantaneamente riempita con un grande desiderio che ancora la nostra congregazione avesse un santo e piansi come una bambina che non vi fosse un santo fra noi. Io dissi al Signore: ‘Io conosco la Vostra generosità, eppure mi sembra che Voi siate meno generoso verso di noi.’. Io incominciai nuovamente a piangere come una bambina. Il Signore Gesù mi disse: ‘Non piangere. Tu sei quella santa.’.” [13]

La Divina misericordia nel diario della mia anima [Divine mercy in my soul diary], pagina 602: “Gesù disse: ‘Io non li sopporto, poiché essi sono né buoni né malvagi.’.” [14]

La Divina misericordia nel diario della mia anima [Divine mercy in my soul diary], pagina 612: “Gesù disse: ‘Io sorreggo un amore speciale per la Polonia ed ove essa obbedisse alla Mia volontà io la esalterei in potenza e santità. Da essa giungerà la scintilla che preparerà la Mia seconda venuta.’.” [15]

La Divina misericordia nel diario della mia anima [Divine mercy in my soul diary], pagina 643: “Suor Faustina dopo avere ricevuto la Comunione disse: ‘Gesù, trasformatemi in un’altra ostia. … Voi siete un Signore grande ed onnipotente; Voi potete concedermi questo favore.’. Il Signore le rispose: ‘Tu sei un’ostia vivente.’.” [16]

La Divina misericordia nel diario della mia anima [Divine mercy in my soul diary], pagina 208: “Gesù comunicò a Suor Faustina la nuova devozione della Divina misericordia, raccomandandoSi che venisse recitata sulle rose del Rosario: ‘Questa preghiera servirà ad appagare la Mia ira. Voi la reciterete per 9 giorni, sulle rose del Rosario, nella seguente maniera. Innanzitutto, voi reciterete un Padre Nostro, un’Ave Maria ed un Credo. Dopodiché, sulle rose del Padre Nostro reciterete le seguenti parole: ‘Padre eterno, io Vi offro il corpo, il sangue e la Divinità del Vostro caro Figliolo diletto, nostro Signore Gesù Cristo, in espiazione per i nostri peccati e quelli del mondo intero.’. Sulle rose dell’Ave Maria reciterete le seguenti parole: ‘Per amore della Sua dolorosa Passione abbiate misericordia di noi e del mondo intero.’. In conclusione, reciterete queste parole 3 volte: ‘Iddio santo, Santo potente, Santo immortale, abbiate pietà di noi e del mondo intero.’ – 14/09/1935.” [17]

Le succitate dichiarazioni presentano una serie di problemi. Il primo problema è la promozione della Santa Comunione nella mano, apparentemente esortata da nostro Signore Gesù Cristo. L’Ostia le sarebbe volata in mano numerose volte; nostro Signore Gesù Cristo le avrebbe comunicato di desiderare di riposare nelle sue mani. Si ritiene che tale sia un tranello demoniaco onde fare accettare la Santa Comunione in mano intellettualmente avanti la fasulla religione del Vaticano II.

Secondo, si osserva della lode non necessaria rovesciata su tale pretesa suora. Si osservano cose apparentemente comunicatele da nostro Signore Gesù Cristo le quali non alimenterebbero l’umiltà, bensì la vanità, per cui ella fosse essenzialmente la migliore cosa al mondo. Non si ritiene che nostro Signore Gesù Cristo la potesse mai istruire di comunicare al suo superiore che ella fosse la figliola più fedele dell’ordine. Nostro Signore Gesù Cristo avrebbe potuto comunicare tale cosa al superiore, qualora avesse voluto che si sapesse.

Terzo, vedesi “Suor” Faustina apprendere che la scintilla di Dio, la quale avrebbe preparato il mondo per la Sua seconda venuta, sarebbe sorta dalla Polonia. Ciò è stato interpretato significare che la persona prescelta di Dio fosse Antipapa Giovanni Paolo II, il quale proveniva dalla Polonia. Giacché si conosce la realtà per cui Antipapa Giovanni Paolo II fu un apostata, un Antipapa acattolico, un uomo avente sostenuto le false religioni del mondo, ciò mostra nuovamente che le rivelazioni di “Suor” Faustina provennero dal Diavolo. Infatti, ciò mostra quanto il Diavolo desiderasse alimentare il sostegno per Antipapa Giovanni Paolo II.

Quarto, la cosiddetta devozione della Divina misericordia fu incentrata attorno alla misericordia in un’epoca in cui il genere umano era sempre più vicino ad avere riempito il calice della Divina giustizia. Il problema dell’epoca e di oggi, chiaramente, era ed è che gli uomini non temevano e non temono Dio, continuando ad offenderLo. Essi necessitavano e necessitano udire della Sua giustizia. Sicché, la cosiddetta devozione della Divina misericordia fu la perfetta falsa devozione ed il perfetto messaggio onde fare credere alle persone che esse avrebbero ricevuto la misericordia di Dio seppure fossero rimaste nei loro peccati; il messaggio istruì persino di adorare la Sua misericordia.

Quinto e forse il più importante, avrebbe Iddio rivelato una nuova devozione da essere recitata sulle rose del Santo Rosario poco dopo la comparsa di Sua Madre a Fatima, Portogallo, onde operare un profondo miracolo rivelante, fra le altre cose, la necessità del Santo Rosario? La specifica direttiva offerta a “Suor” Faustina, per cui la cosiddetta devozione della Divina misericordia venisse praticata pregando sulle rose del Santo Rosario, ritienesi essere chiaramente il sostituto del Diavolo del Santo Rosario. Si è mirata venire così utilizzata da moltissime anime. La cosiddetta devozione della Divina misericordia è stata una scaltra contraffazione la quale, nell’essere tradizionale in così tanti modi, ha servito l’obbiettivo del Diavolo di inserimento della stessa contro-devozione nei circoli di mentalità conservatrice, nell’auspicio che essi la utilizzassero come sostituto del Santo Rosario.

Considerando tutte tali cose la cosiddetta devozione della Divina misericordia è qualcosa che i Cattolici dovrebbero evitare. I Cattolici dovrebbero replicare 5 delle 15 decadi canoniche del Santo Rosario oppure recitare le Stazioni della Croce al suo posto.

Precedente L'Apostata “Madre” Teresa di Calcutta Successivo Chi è la meretrice di Babilonia profetizzata nell’Apocalisse?

Lascia un commento

*