L’Ignoranza invincibile del finto tradizionalismo

L’Ignoranza invincibile del finto tradizionalismo (presentazione)


L’Ignoranza invincibile del finto tradizionalismo

(e le bugie di BastaBugie.it)

Extra Ecclesiam nulla salus eccetto allorquando qualcosa salus?


“TrinityGod’sMinister

09/02/2016 13:25

Salve Corrado. È veramente suo questo articolo http://www.bastabugie.it/it/articoli.php?id=2446 ?

In caso affermativo, è disponibile a discuterne il contenuto?

Corrado Gnerre

09/02/2016 15:39

Nei limiti del possibile, certamente

TrinityGod’sMinister

09/02/2016 17:25

D’accordo, non credo di voler sforare nell’impossibile.

Ho da opinare circa tre questioni:

1. Giovanni XXIII non può essere stato un vero Pontefice, perché egli ha deviato pubblicamente dalla Fede divenendo un eretico notorio (http://vaticanocattolico.com/anti-papa-giovanni-xxiii/) e non potendo, secondo la bolla irrevocabile “Cum Ex Apostolatus Officio” di Papa Paolo IV, essere validamente eletto Vicario di Cristo.

Tantomeno le pretese autorità altrettanto illegittime susseguitesi dopo di esso, possono averlo beatificato.

2. L’ignoranza invincibile non può scusare fino al punto di garantire la salvezza, anche incerta, ad alcuno. Sembrerebbe, in certune encicliche fallibili (poiché non dirette alla Chiesa universale), che Pio IX suggerisca la possibilità della salvezza per gli ignoranti invincibili; tuttavia, egli non parla che della possibilità di essi di convertirsi e sol che appresso, di essere salvati.

Altresì, dovrebbe aver mentito Gesù allorquando disse che coloro non aventi creduto non si sarebbero salvati e dovrebbe aver mentito Sant’Atanasio d’Alessandria nel Credo Apostolico allorquando affermò l’assoluta certezza della dannazione per chi non avesse detenuto e conservato la Fede Cattolica.

Sicché, l’invincibilità dell’ignoranza ove si versa, non scusa che della stessa ignoranza e null’altro.

Se così non fosse, il Dogma per il quale “extra Ecclesiam nulla salus” sarebbe contraddetto dalla verità per la quale “extra Ecclesiam qualcosa salus” (non reale).

3. Le alternative battesimali, contraddicenti la sufficienza dell’ignoranza invincibile e richiedenti almeno l’intento esplicito di appartenere alla Chiesa, non sono comunque de fide e sono in effetti incorrette. Poiché se si ammettesse la possibilità di usufruire della grazia del Battesimo (sacramentale; proprio) previa appartenere alla Chiesa, si implicherebbero i Sacramenti giovare a chi è escluso dal Corpo e ciò è condannato; altrettanto, non si potrebbe ammettere la salvezza previa il lavacro del Battesimo sotto la Nuova Legge, non potendolo considerare una mera opzione salvifica, secondo i decreti del Concilio di Trento.

Se invece si ammettessero essere, le alternative battesimali, delle maniere onde ottenere propriamente il Sacramento per via non ordinaria, si contraddirebbe la verità per la quale v’è un solo Battesimo conferito in un sol modo, e si implicherebbe la Chiesa aver dovuto, per assurdo, conferire sol che Battesimi condizionali, non potendo mai sapere il ministro del Battesimo se col “battesimo di desiderio”, il presunto battezzando fosse in realtà già auto-battezzato.

Mercoledì

TrinityGod’sMinister

10/02/2016 20:19

Mi faccia solo sapere se mi vorrà rispondere.

Corrado Gnerre

10/02/2016 20:36

Caro amico, mi dia un po’ di tempo e le risponderò

TrinityGod’sMinister

10/02/2016 20:38

Grazie, non c’è problema.

Giovedì

Corrado Gnerre

11/02/2016 12:55

Caro amico, mi sembra (perché non tutto mi è chiaro nelle cose che lei afferma, forse anche per mia incapacità) che tutto si possa ricondurre a due questioni.

La prima riguarda la possibilità che un papa possa essere eretico. La risposta è affermativa. E nella storia c’è più di un caso a riguardo.

La seconda questione è in merito alla salvezza per coloro che dovessero trovarsi in una situazione di ‘ignoranza invicibile’. Ebbene, a riguarda basterebbe fare riferimento alla distinzione tra “corpo” e “anima” della Chiesa presente anche nel Catechismo di San Pio X.

Capisco che le ho risposto ripetendo ciò che ho scritto nel mio articolo, ma sono punti questi indiscutibili. Un caro saluto.

Giovedì

TrinityGod’sMinister

11/02/2016 18:14

Un Papa può cadere in eresia ma non essere eretico allorquando è Papa. Ciò è decretato nella bolla infallibile Cum Ex Apostolatus Officio (ove Papa Paolo IV specifica l’irrevocabilità della stessa bolla) e dipende dalla verità per la quale un eretico è escluso dal Corpo Mistico e non può pertanto comandare al Suo interno.

Il Catechismo circolato sotto il regno di Papa San Pio X non è infallibile e la Mystici Corporis Christi ed altri pronunciamenti infallibili definiscono altresì che l’anima della Chiesa non può costituirsi degli infedeli; che questi lo siano o no invincibilmente; perché tutti nella Chiesa detengono la medesima Fede quale è la credenza nei misteri fondamentali della Trinità e dell’Incarnazione (e in tutte le altre verità conosciute).

Sabato

TrinityGod’sMinister

13/02/2016 19:44

Riesce a constatare l’errore, o vorrà replicare come tanti altri che l’evidenza non la convince?

Nel frattempo rettifico che la beatificazione di un Papa non richiede soltanto che questi potesse in qualche modo essere realmente Papa, ma anche che questi possa ragionevolmente dirsi beato e la cui vita pubblica sia un esempio cattolico.

Sicché, la sua argomentazione per la quale “un papa possa essere eretico” e “nella storia c’è più di un caso a riguardo” è errata quanto lo sarebbe quella donde “un beato possa essere eretico” e “nella storia c’è più di un caso a riguardo”.

Altrettanto, sebbene le “beatificazioni” non siano vincolanti per la Chiesa Universale come lo sono le canonizzazioni (queste ultime pongono il problema nella sua massima portata con la spuria canonizzazione di Antipapa Giovanni Paolo II); vale a dire che non vincolano ogni fedele alla venerazione del detto beato; persiste che la Santa Madre Chiesa non possa raccomandare come modello di ipotetico beato un pubblico eretico ed apostata.

Lunedì

TrinityGod’sMinister

6:12

Mi faccia solo sapere se abbiamo sforato nell’“impossibile”.

Corrado Gnerre

6:51

E’ che questo di tipo dialogico non e’ idoneo per affrontare la complessita’ di questi discorsi. Inoltre, le larte da una cdrtezza che non e’ la mia: il sedevacantismo. Cordialmente.

Lunedì

TrinityGod’sMinister

19:03

Ah, ho capito. Poiché a suo dire la Sede non può essere vacante e pertanto gli interregni non possono esistere e Papa Paolo IV s’è fatto film mentali senza un motivo, il tema non può più essere trattato.

Va bene, altrettanto cordialmente.”


Faccio infine notare che allorquando Corrado tentava di digitare “Inoltre, lei parte da una certezza che non è la mia” egli stava mentendo platealmente; perché colui avente argomentato rigorosamente è invero il sottoscritto, mentre colui avente tentato di difendere la propria affezionata bugia contro ogni evidenza, è Corrado.

–TGM.

Precedente Uscite da essa, o popolo mio Successivo Il Terzo Segreto di Fatima – la battaglia decisiva

Lascia un commento

*