Piero M. rigetta furiosamente la verità e viene smantellato

Stato di Piero M. sovrastante un collegamento da questi condiviso

“Penso generamente il peggio possibile sulla media degli insegnanti di religione (fatte salve svariate eccezioni) e soprattutto sulla loro formazione, contesto che ciò che insegnano sia qualcosa che ha a che fare col cattolicesimo, contesto la Chiesa che ha accettato questa riduzione di se stessa e della fede sia sul piano culturale sia su quella didattico … Eppure c’è ancora chi, come si vede con questa iniziativa, in odio alla fede, alla semplice presenza cattolica nella società e nella scuola riesce a non accontentarsi neppure dell’auto demolizione e dell’autoriduzione che i cattolici si infliggono, pretendendo di cancellare ogni traccia di cristianesimo.”

Commenti sottostanti il medesimo post

D.B.:

“Guarda, dopo anni e figli, sono giunta alla conclusione che andrebbe davvero abolita. Se va bene, il nulla, se va male, un’ora di contro-catechesi, con l’aggravio della gestione mafiosetta di alcune diocesi, poi la sensazione che per non perdere le prebende legate a questa e all’8 per mille alcuni chierici farebbero sbranare noi e i nostri figli senza fiatare.”

Piero M.:

“Purtroppo anch’io la penso come te: ma preferirei il ritiro spontaneo e non essere costretto da considerazioni e manovre che esprimono un odio anticattolico quale questo.”

TrinityGod’sMinister:

“Questo perché non siamo più in uno stato cattolico, e il conciliabolo “Vaticano II” ha instaurato l’anti-Chiesa degli ultimi tempi in Roma (come profetizzato).

La vera Chiesa è indefettibile e giammai potrebbe svendersi; ciò è Dogma cattolico.

Per le informazioni accurate cercate “Apologia Cattolica” qui su Fb.”

Piero M.:

“I suoi uomini e donne sì, però.”

Si rimembri quel “però”, mediante il quale Piero M. accredita che uomini e donne di Chiesa possano essere defettibili a differenza della Chiesa stessa, indi smentendosi.

Senza con ciò, tuttavia, degnarsi di aggiornare e correggere le sue precedenti dichiarazioni eretiche.

TrinityGod’sMinister:

“Ma tali non possono fallire a nome dell’intera Chiesa, né tanto meno possono essere eretici e membri del Corpo Mistico allo stesso tempo.

Tutto ciò è de Fide, v’è niente da dibattere in merito. Roma è divenuta la sede dell’anticristo ed una setta a-cattolica.”

Piero M.:

“A Roma c’è confusione, ma non l’anticristo.”

Dunque la confusione, secondo Piero M., non è un segno dell’anticristo.

Ciò perché Piero M. ha semplicemente sovvertito il suo intelletto onde preservare il proprio finto tradizionalismo.

TrinityGod’sMinister:

“Tu stesso hai appena ammesso di esserti sbagliato in materia grave permettendoti di “contestare la Chiesa”.

Sicché, fossi in te spenderei qualche minuto a informarmi circa la posizione altrui, prima di sparare altre eresie.”

Piero M.:

“?????????????????????????

Quale eresia avrei sparato?”

Willy B.:

“”contestare la Chiesa”. Ossia quella di non leccare i piedi* [*sostituzione di un sostantivo inopportuno] a papa Checco.”

Willy B. tenta di ridicolizzare il fatto che una contestazione rivolta ad un apostata come “papa Checco” (Antipapa Francesco) possa paragonarsi ad un’eventuale contestazione rivolta alla Chiesa; non rendendosi conto di star ridicolizzando esattamente la sua stessa posizione ch’ei condivide con Piero M., sicché l’opposto della mia.

Piero M.:

“” hai appena ammesso di esserti sbagliato in materia grave permettendoti di “contestare la Chiesa”. Fai uno sforzo di intelligenza e cerca di capire che se contesto delle “scelte” o delle “linee pastorali” perché hanno riflesso indiretto sul piano della fede e dottrinale non posso essere eretico poiché l’eresia riguarda le verità di fede.”

Piero M. vaneggia in preda alla possessione diabolica che oramai gli impedisce di seguire il filo di un discorso elementare. La verità di Fede in questione non è una qualche scelta della Chiesa che lui avrebbe contestato, bensì il fatto stesso per cui non si può contestare alcunché alla Chiesa, come ho fatto notare dall’inizio.

Piero M.:

“Fossi in te, invece, spenderei un po’ più di tempo a riflettere prima di sparare [epiteto impuro].”

Willy B.:

“La papolatria non va d’accordo con la riflessione.”

Willy B., suo malgrado, continua a ribadire la verità ed a condannarsi da sé.

Piero M.:

“Willy ed è speculare per normalisti, papolatri d’occasione perché come i progressisti e sedevacantisti. Li accomuna tutti in questo momento, salvo il giudizio che quest’ultimi hanno sul papa attuale che lo derubricano ad anticristo.”

  1. I “normalisti”? E chi sarebbero i normalisti? Persone che si ostinano ad interpretare la situazione in quanto normale, contro ogni evidenza? Come per esempio coloro che si ostinano a negare che a Roma ivi regni l’anticristo? Dunque Piero M. e Willy B..
  2. I “papolatri”? E chi sarebbero i papolatri? Persone che si ostinano a chiamare “Sua Santità”, “Papa”, o “Sommo Pontefice” qualcheduno, nonostante questi abbia spiattellato loro in volto tutte le immondezze dell’inferno? Dunque Piero M. e Willy B..
  3. I “progressisti”? E chi sarebbero i progressisti? Persone che tentano di liberarsi di ‘vecchi’ Dogmi come l’indefettibilità della Chiesa, l’infallibilità papale, onde personalizzare la propria religione secondo i propri gusti personali? Dunque Piero M. e Willy B..
  4. E cosa c’entrano i sedevacantisti? Abbiamo capito cosa non c’entrano: questi ultimi, a differenza dei membri delle altre categorie, disconoscono gli antipapi del ‘Vaticano II’ invece che idolatrarli; tuttavia cosa c’entrerebbero, altresì? Orbene: niente.
  5. Noi derubrichiamo niun Papa ad anticristo, bensì è Cristo medesimo ad appellare “anticristi” le false guide, quelle che Piero M. sceglie come suoi pastori, giacché egli è un cieco odiante la verità, il quale preferisce farsi guidare da altri ciechi verso la sua dannazione.

TrinityGod’sMinister:

“”contesto la Chiesa che ha accettato questa riduzione di se stessa”

Poi ti faccio notare che la Chiesa è indefettibile e fai finta di non aver mai inteso il contrario di ciò.

No, non faccio uno sforzo onde convincermi che tu sia onesto quando non lo sei. Tu hai contestato la Chiesa, è innegabile.

Dunque, secondo te si potrebbe anche sparare bestemmie, e poi dire che ciò che si intendeva fosse una preghiera? Mh, capisco…

Sei tu che diffondi quisquiglie scismatiche, volgare reprobo.

@Willy Papolatria? Wow, non hai capito nemmeno una virgola di ciò che ho scritto…

In realtà sei tu che segui un antipapa chiamandolo “papa” nonostante la sua eresia manifesta, quindi quello che idolatra un apostata sei te.”

Piero M.:

“Carta, il tuo problema è che dovresti bere ancora il latte della mamma e invece bevi alcolici.”

Preciso, a scanso d’equivoci, che Piero M. non ebbe il benché minimo pretesto onde supporre che io fossi un alcolista.

Altresì si accorse probabilmente della mia giovine età guardando la mia foto profilo; dato che lungi dal deporre a favore della credibilità di Piero M., in realtà, lo smaschera ulteriormente in quanto totalmente sprovveduto e misero, allorquando egli cade fragorosamente dibattendo con chi detiene assai meno anni di lui* (*ciò supponendo che egli ne abbia svariati più di me, giacché altrimenti l’intera obiezione da parte sua circa l’età non avrebbe avuto alcun senso).

TrinityGod’sMinister:

“Tu invece che farti film sulla vita che non ho, faresti meglio a convertirti al Cattolicesimo.

Ah, e di andare a bere latte invece che parlare di teologia lo avresti detto a Santa Teresa del Bambin Gesù, che chiaramente avresti ritenuto troppo piccola per scrivere Storia di un’Anima”

Piero M.:

“Carta, levati dalle [epiteto impuro].”

Willy B.:

“Bravo Piero!”

TrinityGod’sMinister:

“Tranquillo, lavoro finito.

L’infimo reprobo è stato smascherato e l’altro stolto ha fatto l’applauso. Tutto compiuto.”

Piero M.:

“Ecco, vai nanna, invasato e [epiteto impuro].”

Ma Piero M. non era contro il progressismo? Uhm, e come mai allorquando si imbatte in qualcheduno che a differenza sua crede realmente in ciò che la Chiesa Cattolica professa, egli l’addita come “invasato”?

In realtà, non è a me che serve la ‘nanna’, bensì è a Piero M. che servirebbe svegliarsi dalla notte dell’anima sua, purtroppo per lui quasi certamente irreversibile nel suo caso, fino alla fine dei tempi, fino al giorno del Giudizio: quando egli non potrà fare a meno di svegliarsi, per poi non riposare mai più (a meno che questi non si converta prima).

Willy B.:

“Carta io non idolatro nessuno, al contrario di un mangia ostie come te.”

Willy B. ci ‘informa’ del fatto donde egli non idolatrerebbe alcuno.

Ah, d’accordo, quindi cosa facciamo? Gli crediamo sulla parola nonostante ci risulti che la verità sia esattamente l’opposto?

No, non credo che mi affiderò alla sua dichiarazione. Anche perché costui continua a dimostrare di non detenere la minima cognizione delle posizioni teologiche confrontate, a partire dalla sua stessa posizione, passando per quella di Piero M., finendo per la mia posizione (quest’ultima più di tutte completamente nascosta al suo intelletto per volere di Dio, il Quale evidentemente ha scelto di ritirare interamente la Sua luce dalle anime di questi individui pervertiti).

Circa la seconda parte del commento di Willy B., cos’avrà voluto dire?

Che le ‘ostie’ non si dovrebbero adorare? Che egli è un protestante e non crede nella reale presenza di Gesù sotto le specie dell’ostia consacrata?

O voleva forse sottintendere che, secondo lui, le ostie che mangio io sarebbero appunto: mere ostie (non consacrate)?

Ciò è comunque assurdamente fuori luogo per due ragioni:

  1. Ultimamente, nemmeno mi nutro più mediante il Sacramento dell’Eucarestia, giacché intorno a me non ho a disposizione la Santa Messa presso una sede non esageratamente apostata. Sicché, mangio certamente meno ostie di Willy B., per la precisione: 0.
  2. Essendo sedevacantista, io disconosco il rito invalido ed illegittimo utilizzato dai preti coi quali Willy B., a differenza mia, trovasi in comunione. Sicché, se qualcuno tra me e lui ha più probabilità di trovarsi a mangiare delle mere ostie non consacrate, quello è proprio Willy B. e non certo io (anche qualora frequentassi tuttora la Santa Messa).

Piero M.:

“Sono andato a rileggermi il post, tante volte l’avessi buttata di fuori senza rendermene conto. “.. contesto la Chiesa che ha accettato questa riduzione di se stessa e della fede sia sul piano culturale sia su quella didattico … “. A ‘sto [epiteto impuro] e analfabeta è sfuggito che stavo parlando del “piano culturale e didattico” … e l’ha trasformato in “piano teologico”… posa il fiasco vai …”

No, non mi è affatto sfuggito alcunché; bensì la precisazione di Piero M. corrisponde alla medesima menzogna irrilevante ch’egli ebbe modo di avanzare in precedenza.

Piuttosto che posare il fiasco io, necessiterebbe di raccogliere un po’ di buonafede Piero M..

Si consideri in oltre come dichiarando d’essersi ipoteticamente accorto sol che ora d’aver inteso qualcosa di scusabile, Piero M. ammette involontariamente d’aver, per tutto questo tempo, tentato di giustificare qualcosa di inescusabile.

È ancora degno di nota, conseguentemente, come allorquando l’esatta contestazione eretica da parte di Piero M., l’argomento stesso del dibattito svoltosi tra i commenti, altro non è che l’auto-distruttività della presunta “Chiesa” con la quale Piero M. professa comunione, al contempo: Piero M. si dimostra invero essere totalmente autodistruttivo, condannandosi per propria bocca/tastiera ogni qualvolta che egli proferisce/digita.

–TrinityGod’sMinister.

Precedente Youth Uber – L’ultima gioventù del mondo Successivo MariaPortamiVia asfalta ‘(((†))) Radio Vobiscum’

Lascia un commento

*